Paolo Bonolis ha risposto alle domande dei fan in una diretta tenuta sulla pagina Instagram di sdl.tv. Ovviamente i quesiti erano numerosissimi e Sonia Bruganelli lo ha aiutato a selezionarli. Il conduttore ha parlato della sua carriera, ma anche di questioni private come il singolare racconto dell'appartamento che riteneva fosse infestato dai fantasmi. Inoltre, ha parlato della possibilità di fare un programma con Laura Freddi.

Paolo Bonolis parla dell'ex fidanzata Laura Freddi

Da 23 anni, Paolo Bonolis è legato a Sonia Bruganelli. Prima della donna che poi è diventata sua moglie, il conduttore ha avuto una relazione con Laura Freddi, che oggi è legata a Leonardo D'Amico ed è madre di Ginevra. Così, un utente gli ha chiesto se farebbe un programma televisivo con lei. Bonolis ha spiegato che se gli venisse proposta un'idea valida, non avrebbe alcun problema a lavorare – come già accaduto in passato – con la sua ex:

"Perché no. L'ho fatto tra l'altro, si chiamava ‘Belli freschi'. Adesso? Che ne so, se capitassero le circostanze e avesse un senso, certo, perché no. Mica è successo niente. Siamo stati insieme per qualche tempo. Non è che ci siamo accoltellati, è semplicemente finita la vicenda".

Il racconto sul fantasma, anche Sonia Bruganelli dice di averlo visto

I fan di Paolo Bonolis sono informatissimi sulla sua vita privata. Ricordiamo che il conduttore si è raccontato in un'autobiografia. Durante la diretta, un utente gli ha chiesto: "Ma davvero avevi i fantasmi in casa?". Così, Bonolis ha parlato di un aneddoto avvenuto tanti anni fa e che, in qualche modo, ha coinvolto anche Sonia Bruganelli:

"Sì è vero. Il primo appartamento dove andai a vivere da solo, fu comprato grazie ai primi guadagni che feci con la televisione, per cercare un'indipendenza dalla famiglia. Io ho cominciato a lavorare a 19 anni. Vicino casa nostra avevano ammazzato uno. Quell'appartamento piccolino non lo voleva nessuno. Io l'ho preso e amen. Sono andato a vivere lì".

Dopo un primo momento di tranquillità, sarebbe stato protagonista di episodi singolari: "Per un certo lasso di tempo non è successo niente, poi è cominciata una situazione strana. La notte andavo a letto e la mattina quando mi risvegliavo c'erano le luci accese, gli armadi erano parzialmente aperti, poi ha cominciato a partire lo sciacquone di notte. Mi sono domandato che cosa potesse essere. Era diventata una rottura di scatole e l'ho ravvisata nella presenza di qualcosa". Una sera il copione si sarebbe ripetuto. Una volta tornato a casa avrebbe trovato le luci accese e gli armadi aperti. Così, ha messo in atto un bizzarro tentativo per porre rimedio alla situazione:

"Una sera sono rientrato, ero piuttosto stanco. Quando sono tornato ho ritrovato le luci accese e gli armadi aperti. Ho spento tutto, mi sono messo sul divanetto del salottino e ho parlato nel buio con quella che presumevo fosse un'entità. Ho detto: ‘Senti guarda, a me dispiace. Tu magari vuoi comunicarmi qualcosa ma non ti capisco. O ti fai capire…perché se dobbiamo passare tutta la nostra esistenza, io chiuso qui dentro e tu chissà dove ad aprire cassetti e a fare partire lo sciacquone, avresti rotto anche i cog***‘. Sono stato abbastanza chiaro e da quel momento non è successo più niente".

Insomma, tutto sembrava risolto fino a quando Sonia Bruganelli non ha passato la prima sera a casa di Bonolis. In quell'occasione, sarebbe accaduta un'altra stranezza per la quale ancora oggi l'imprenditrice ricorda di avere avuto tanta paura. Bonolis ha raccontato:

"Una sera venne per la prima volta Sonia a dormire da me e lei mi ha detto che nella notte ha visto una presenza scura che si è avvicinata al nostro letto, ha sovrastato lei e ha messo una mano su di me e ha cominciato a parlare. Io non mi ricordo niente, la mattina quando me l'ha raccontato le ho spiegato la vicenda. Da quel momento non è successo più niente, tranne che ho cambiato casa perché non si dormiva più".