947 CONDIVISIONI
25 Maggio 2021
08:23

“Non tolleriamo minacce”: la Nazionale Cantanti risponde ad Aurora Leone, poi cancella il post

La Nazionale Cantanti replica con un post alle dichiarazioni di Aurora Leone di The Jackal che, alla vigilia della Partita del cuore, aveva reso noto di essere stata cacciata dalla cena della squadra in quanto donna. “Non tolleriamo violenza e minacce”, fanno sapere dalla pagina Instagram ufficiale della squadra. Poco dopo, la replica è stata cancellata.
A cura di Stefania Rocco
947 CONDIVISIONI

Una breve dichiarazione di risposta farcita da accuse: nell’ordine, “arroganza, minacce, maleducazione e violenza”. Così la Nazionale Cantanti replica alla denuncia di Aurora Leone e Ciro Priello. I due membri di The Jackal, alla vigilia della Partita del cuore, avevano raccontato di essere stati convocati e poi cacciati (perfino dall’hotel) durante la cena che precede di qualche giorno la discesa in campo. Motivo del contendere le parole rivolte dal direttore generale della Nazionale Italiana Cantanti, Gianluca Pecchini, all’attrice. Il senso: “Sei donna, non puoi stare seduta qui”. Una richiesta che ha dell’incredibile denunciata da Leone ai cui video la Nazionale Cantanti ha risposto con una nota.

La replica della Nazionale Italiana Cantanti

Alessandra Amoroso, Madame, Jessica Notaro, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Rita Levi di Montalcini, sono solo alcuni dei nomi delle tantissime donne che dal 1985 (anno in cui abbiamo giocato a San Siro, per la prima volta, contro una compagine femminile), hanno partecipato e sostenuto i nostri progetti”, si legge nel post pubblicato sul profilo Instagram della Nazionale Cantanti, “Il nostro staff è quasi interamente composto da donne, come quest’anno sono donne le conduttrici e la terna arbitrale della ‘Partita del cuore’. La Nazionale Italiana Cantanti non ha mai fatto discriminazioni di sesso, fama, genere musicale, colore della pelle, tipo di successo e followers. C’è solo una cosa nella quale la Nazionale Cantanti non è mai scesa a compromessi: noi non possiamo accettare arroganza, minacce, maleducazione e violenza verbale dai nostri ospiti”.

Rimosso il post della Nazionale Cantanti

Nessuna scusa dunque. Al contrario, il post pubblicato dalla Nazionale Cantanti scarica la responsabilità dell’accaduto su chi lo ha denunciato, Aurora Leone e Ciro Priello. Sono i due membri di The Jackal a essere definiti arroganti, maleducati, addirittura violenti. Accuse gravi che non vengono circostanziate: mancano esempi, fatti, riferimenti. Non c’è, nel post, alcun tentativo di ricostruire una vicenda dai contenuti gravissimi che nessuno ha ancora smentito, se non con un post dai toni generici, che non si addentra nei dettagli dell'accaduto. Un post che, per di più, è stato cancellato dalla pagina Instagram della Nazionale Cantanti dopo essere rimasto online per qualche ora.

947 CONDIVISIONI
Eros Ramazzotti: "Solidarietà per Aurora Leone, ma la Nazionale Cantanti non è sessista"
Eros Ramazzotti: "Solidarietà per Aurora Leone, ma la Nazionale Cantanti non è sessista"
Nazionale Cantanti, Sandro Giacobbe: "Bufala, Aurora Leone lo ha fatto per i follower"
Nazionale Cantanti, Sandro Giacobbe: "Bufala, Aurora Leone lo ha fatto per i follower"
Chi è Gianluca Pecchini, il dirigente della Nazionale Cantanti dimesso dopo il caso Aurora Leone
Chi è Gianluca Pecchini, il dirigente della Nazionale Cantanti dimesso dopo il caso Aurora Leone
È morta Nerina Pieroni, la pianista 81enne di Tu sì que vales
È morta Nerina Pieroni, la pianista 81enne di Tu sì que vales
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni