La scomparsa di Gigi Proietti ha scosso l'intero mondo dello spettacolo. Se n'è andato uno dei grandi attori del teatro italiano, un mattatore sì, ma anche un artista di immenso talento, che ha diffuso la sua arte non solo al pubblico che da sempre l'ha amato, ma anche a coloro che, come lui, avrebbero voluto fare della recitazione e della risata la propria vita. Ed è nella veste di maestro che lo ricorda Enrico Brignano, il noto comico romano, che è stato suo discepolo e che non esita a ricordare il suo mentore con affetto e un'immensa stima.

Il saluto di Enrico Birgnano

Le parole di Enrico Brignano vengono dritte dal cuore, sono le parole di un allievo, prima ancora che di un attore, che ha condiviso con il suo maestro la passione per la comicità, per l'intrattenimento, la musica e la capacità di far riflettere con un sorriso. Su Instagram, Birgnano ha ricordato così Gigi Proietti, rievocando i momenti in cui lo guardava con ammirazione e durante i quali ha provato a somigliargli:

Ti guardavo…ti spiavo dietro a una quinta mentre recitavi per carpirti ogni segreto, ma il talento non ha segreti, è talento e basta. E tu ne hai a secchi.
Ho sempre cercato nei tuoi occhi l’approvazione: ero l’alunno davanti al maestro, quando c’eri tu tra il pubblico, anche dopo 30 anni di palcoscenico. E se faccio quel che faccio, è soprattutto grazie a te. Sento un gran dolore dentro, ma so che è stato un privilegio starti vicino e devo farmelo bastare come consolazione.
Grazie di tutto, Gigi. Sempre e per sempre.

Il ricordo a Che Tempo che fa

Nella puntata di "Che tempo che fa" in onda domenica 1 novembre 2020 su Rai3, Enrico Brignano era stato ospite di Fabio Fazio e aveva ricordato il grande attore romano, suo mentore, che proprio oggi avrebbe compiuto gli anni e, infatti, il comico aveva così esordito: "Il mio maestro Gigi Proietti domani compirà 80 anni. Buon compleanno Gigi, dal profondo del cuore.” Più e più volte l'attore aveva sottolineato quanto la presenza di Proietti fosse stata fondamentale nella sua vita professionale e quanto gli sia stato grato per avergli impartito la passione per l'arte della comicità e della recitazione.