Morta Jolanda Ottino il 10 dicembre 2019, aveva 96 anni e viveva a Cellino San Marco, dove il figlio Al Bano tornava spesso a vivere con lei. Una grande passione per la musica e per la terra li teneva uniti, avendo anche lei una bella voce e una vocazione, tenuta nascosta, per il canto, come svelò suo figlio in tv nel 2014 a Porta a Porta da Bruno Vespa. Il padre Carmelo Carrisi si innamorò di lei per la voce che aveva e non tanto per com'era fisicamente, ‘corta e un po' bruttina‘ specifica Al Bano, e da allora è stato un folle amore fino alla morte del marito, avvenuta il 26 marzo del 2005. E mamma Jolanda aveva parlato in tv proprio di come il figlio aveva iniziato a muovere i primi passi nel mondo della musica, diventando a poco a poco un emigrante di successo:

Era una festa di San Marco, il protettore, e l’hanno chiamato a cantare sul palco e lui è andato e da lì ha cominciato a cantare. Io stavo in pensiero che stava a milano da solo, visto che non era mai andato da nessuna parte. Freselle, olio, vino, la valigia di cartone era piena. […] Sto pensando al passato. Sono tanti anni che la corriera cammina e lui ha avuto successo. Mio figlio emigrante di successo, me ne ha date di soddisfazioni.

Il rapporto di Jolanda Ottino con Romina Power

Al Bano aveva inoltre dedicato alla madre un libro dal titolo "Madre mia, l'origine del mio mondo" nel 2017, omaggio al rapporto che lo legava a Jolanda e ai suoi anni di formazione nella severa e accogliente città di Cellino San Marco. Terra che accolse anche Romina Power quando Al Bano se ne innamorò e volle sposarla, al tempo dei musicarelli, nel 1969. Il cantante la portò in Puglia e la presentà proprio a mamma Jolanda che, sin da allora, iniziò subito a volerle bene, preservando questo affetto anche nel periodo difficile della separazione dal figlio: "Io ho un buonissimo rapporto con Romina Power, ha voluto così Cristo, l’essenziale è che stanno bene. Mio figlio ci ha sofferto e pure io, ma ora stiamo bene". E anche per Romina sembra essere lo stesso, visto il post dolcissimo dedicatole su Instagram a poche ore dalla sua morte.

Il rapporto di Jolanda Ottino con Loredana Lecciso

Silenzio stampa invece per Loredana Lecciso, con la quale pare non scorresse buon sangue sin dall'inizio del suo rapporto con Al Bano, il quale tese a specificarlo in un'intervista: "Loredana non ha mai detto nulla di male su mia madre, è una donna intelligente e con lei è stata sempre una signora, benché non godesse del suo favore". Non è un segreto, infatti, che in famiglia ci fosse una naturale inclinazione affettiva nei confronti di Romina, mentre sul fronte Lecciso fossero nate e maturate molte reticenze nel corso degli anni.

Il libro di Al Bano su mamma Jolanda Ottino

Al Bano nel 2017 ha voluto scrivere e dedicare un libro a mamma Jolanda Ottino, nel quale la raccontava in questo modo: "Attraverso i suoi ricordi e quelli che mi faceva mio padre, ho ricostruito la sua vita e assomiglia veramente a un romanzo. Nata subito dopo la fine della prima guerra mondiale, in un mondo contadino quasi del tutto scomparso, rimase prestissimo orfana della mamma. La vita l'ha messa subito alla prova, portandole via la mamma che era ancora piccola. Subì le angherie della matrigna, crebbe imparando a fare la sarta, si innamorò di mio padre e, contravvenendo alle regole di famiglia che la volevano maritata dopo le sorelle, fuggì con lui per costruire il proprio destino. Poi le privazioni durante la seconda guerra mondiale, quando il marito era prigioniero in Germania, gli scontri con un figlio che voleva conquistare il mondo cantando, i viaggi attorno al mondo, l'orgoglio per i miei successi, le sofferenze che hanno segnato la nostra famiglia e che lei ha affrontato con silenzio e dignità inaudite. Sempre usando i valori come armi per difendere il bene".

La morte del padre Carmelo Carrisi nel 2005

Il padre di Al Bano, Carmelo Carrisi, morì invece nel 2005 nel reparto di rianimazione dell'ospedale Perrino di Brindisi. Aveva 91 anni e le sue condizioni di salute precipitarono all'improvviso, a tal punto da richiederne l'immediato ricovero per disturbi cardiaci. A suo padre, Al Bano aveva dedicato un film tv negli anni 2000, dal titolo Nel cuore del padre, scritto con Maria Venturi e la psichiatra Federica Mormando, che raccontava del suo rapporto con lui attraverso filmati d'archivio e ricostruzioni fatte sul set:

Una storia di contrasti tra uomini ma sempre nel rispetto di una radice comune come la miseria, il successo e i drammi hanno cambiato la nostra vita. Quando mio padre mi portava nei campi a lavorare la terra mi parlava sempre di Enrico Caruso e diceva che era stato il più grande tenore del mondo. Da lì è nata la mia passione per la musica.

E a suo padre Carmelo, il cantante aveva anche dedicato anche un vino rosso della sua produzione, il Don Carmelo appunto, in omaggio alla promessa fatta, al momento di partire per Milano in cerca di gloria, di tornare alla sua terra.