19 Settembre 2014
01:20

Morgan distrugge un concorrente a X Factor: “Perché copi Marco Mengoni?”

Il concorrente sardo, Marco, offre un’esibizione convincente dal punto di vista vocale, ma la sua espressività è molto simile a quella di Mengoni, allievo di Morgan e sua creatura. Il giudice si arrabbia: “Hai una bella voce, perché devi imitare Mengoni?”. Alla fine il ragazzo viene preso e lo stesso Morgan vota “sì”.
A cura di A. P.

Lo scenario è sempre quello, il palco di X Factor, che il 18 settembre è ritornato su Sky con un'altra edizione impreziosita dalla presenza di due nuovi giudici, Victoria Cabello e Fedez, rispettivmente al posto di Simona Ventura e Elio, che subito hanno dimostrato di saper interagire con i già esperti Mika e Morgan. Ma c'è poco da fare, a far discutere è sempre quest'ultimo, vincitore di quasi tutte le edizioni di XFactor alle quali abbia partecipato, tanto che lui stesso si autoincensa ad inizio puntata: "Sono il giudice che ha vinto di più in tutta la storia di X Factor". Dopo inizi relativamente tranquilli, con un montaggio che mostra quattro giudici piuttosto compiacenti con i concorrenti sul palco, arriva il momento di un ragazzo sardo che ha intenzione di proporre un genere che sia una fusione tra pop, rap e tanti altri generi. Sembra talentuoso e la sua esecuzione in effetti è caratterizzata da una voce molto lavorata e virtuosistica.

La furia di Morgan

Ma Morgan nota immediatamente un particolare, ovvero le movenze del ragazzo, effettivamente molto simili a quelle di uno dei suoi pupilli più talentuosi, Marco Mengoni, che ai suoi ordini trionfò nella terza edizione del talent quando ancora era su Rai2. Durante tutto il corso della sue esibizione il giudice fa notare agli altri i movimenti delle mani e le espressioni del ragazzo, commentando subito in maniera pungente una volta terminata l'esibizione stessa. Lo accusa di non avere cultura e conoscenza, di avere una bella voce m mancare di personalità, rivendicando peraltro la paternità completa del personaggio Mengoni, forse il più illustre di tutti i vincitori della storia di X Factor: "L'ho creato io Marco Mengoni, che è un genio. Ma a X Factor tutti soffrono di mengonite". Inizia una piccola disputa tra i guidici, con Fedez che pur evidenziando alcune particolari movenze del ragazzo, sostiene abbia una bella voce e possa fare molto. Victoria, a sua volta, rimane pressoché ammaliata dal ragazzo, mentre mika ne contesta il manierismo stilistico. Nel frattempo Morgan è ancora pressoché furioso e non arresta le sue accuse al ragazzo, che per la verità, molto educatamente non risponde, anzi sembra del tutto sorpreso da ciò che sta accadendo.

L'esito dei giudici

Arriva il momento dei voti, quindi quello della verità, ed evidentemente tutto sembra pendere a sfavore del concorrente, specie per l'influenza che Morgan potrebbe avere sugli altri giudici. Invece, dopo il sì di Victoria e quello di Fedez, anche Morgan, per quanto inviperito, dice sì. Il solo a non dare il suo consenso è invece Mika, che rimane fermo sulla sua posizione. Il ragazzo sorridente se ne va, sostenendo di sperare che in futuro Morgan possa capire che lui tutto vuole, fuorché imitare qualcuno. Nel frattempo sul palco fanno notare che il concorrente si chiami Marco, come Mengoni ma anche come Castoldi, ovvero Morgan. La battuta del giudice è tagliente: "X Factor non è un marchio, X Factor è un Marco".

Tony Maiello, da X Factor a Marco Mengoni, passando per la vittoria a Sanremo
Tony Maiello, da X Factor a Marco Mengoni, passando per la vittoria a Sanremo
Yusaku canta
Yusaku canta "R’essenziare", ecco il Marco Mengoni giapponese a X-Factor
Tutte le volte che Morgan ha minacciato di lasciare X Factor
Tutte le volte che Morgan ha minacciato di lasciare X Factor
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni