In una nota intitolata ‘Inqualificabile indecenza a ‘Domenica Live', presentata la denuncia al Comitato Media e Minori‘, il Moige ha detto la sua sulla puntata trasmessa lo scorso 14 gennaio. Il Movimento Italiano Genitori ha definito il programma di Barbara D'Urso "diseducativo", "inaccettabile" e "offensivo per la dignità degli spettatori". Inoltre ha invitato le aziende a ritirare gli spot. A causare l'indignazione è stata l'intervista ad Allegra Cole.

La nota del Moige

Elisabetta Scala, responsabile osservatorio media Moige, in una nota ha dichiarato: “Il programma ‘Domenica Live' andato in onda ieri pomeriggio su Canale 5, durante la fascia a ‘protezione rafforzata' è inaccettabile e diseducativo con contenuti che offendono la dignità di tutti i telespettatori. La trasmissione dell’intervista a Allegra Cole, la 47enne americana che si è sottoposta a tre operazioni per ottenere un seno taglia 15, viola i principi di decenza televisiva".

La denuncia al Comitato Media e Minori

Elisabetta Scala prosegue chiedendo il ritiro degli spot da programmi simili: "Abbiamo presentato denuncia al Comitato Media e Minori con l’augurio che venga preso qualche provvedimento affinché scene simili non si ripetano in televisione specialmente in un orario di fascia a protezione rafforzata per la tutela dei minori. Lanciamo il nostro appello alla responsabilità sociale di tutte le aziende per chiedere il ritiro degli spot in rispetto e tutela del telespettatore, specialmente se minore".

Allegra Cole ha speso 75 mila dollari per avere la decima di seno

La donna che ha fatto storcere il naso al Moige è la quarantasettenne Allegra Cole. Ex insegnante di pianoforte, oggi lavora come modella. Ha speso 75 mila dollari per avere la decima di seno. Nell'intervista rilasciata a Barbara D'Urso ha detto di averlo fatto per piacere a suo marito e ha aggiunto:

"In pubblico la gente mi fissa, ma non faccio questo solo per me, ma per le donne che vogliono essere madri ma anche sensuali. Non dico di essere un modello. So di non essere normale ma non voglio essere normale. Tutti facciamo qualcosa per compiacere e far star bene le persone a cui vogliamo bene".