"Avanti un altro" è ancora protagonista della cronaca. Dopo gli schiaffoni di Paolo Bonolis a Daniel Nilsson per difendere Luca Laurenti, tutto parte di un canovaccio improvvisato, adesso ne fa le spese un concorrente delle dinamiche vorticose del popolare quiz televisivo del pomeriggio di Canale 5. Questa volta, però, l'eclettico conduttore Paolo Bonolis non c'entra assolutamente nulla.

Cosa è successo

Qualche giorno fa si è presentato tra i concorrenti un giovane di 19 anni, Gianluca Forte da Foiano della Chiana, in provincia di Arezzo. Con il conduttore romano, il giovanissimo concorrente si è lasciato andare ad alcune osservazioni sul suo piccolo paesino, circa 9400 abitanti al centro dell'appennino toscano. Una circostanza che non è stata gradita dai suoi compaesani che, scatenati su Facebook, hanno inveito contro di lui, al punto da costringere il giovane ragazzo a denunciare il fatto alla più vicina caserma dei carabinieri. Dagli insulti si è passati alle minacce, per questo Gianluca Forte ha deciso di cautelarsi per la rabbiosa reazione dei suoi compaesani che, probabilmente, hanno dimenticato il clima goliardico che si genera ad "Avanti un altro".

Un programma non scritto

Come è noto, "Avanti un altro" è un programma completamente non scritto, in cui l'unica cosa prevista sono le domande che i conduttori devono leggere. Tutto il resto è lasciato all'improvvisazione tra Paolo Bonolis e i suoi concorrenti. Si vanno a creare pertanto gag e situazioni al limite. Così, anche quando Paolo Bonolis inveisce contro uno dei suoi collaboratori o contro i suoi concorrenti, è tutto un meccanismo studiato che fa parte del gioco. Le puntate di "Avanti un altro", inoltre, vengono registrate. Pertanto ogni cosa, qualora fosse imprevista, avrebbe il tempo di essere opportunamente tagliata.