17 CONDIVISIONI

Marco Columbro si sfoga: “Per la tv sono morto, meno male che c’è la famiglia”

Marco Columbro si è sfogato per essere stato allontanato dal mondo della televisione. Dopo l’aneurisma che lo ha colpito nel 2001, infatti, il conduttore è stato richiamato sul piccolo schermo soltanto poche volte. Oggi si dedica completamente al teatro, ma vorrebbe ritornare ai suoi tempi d’oro.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Noemi Sellitto
17 CONDIVISIONI

Immagine

Marco Columbro è stato dimenticato dalla televisione italiana. In un'intervista al settimanale Nuovo, il presentatore si è lamentato della sua assenza dal piccolo schermo ormai da parecchi anni. Storico conduttore degli anni '80 e '90, nel 2001 rimase in coma per 25 giorni a causa di un aneurisma cerebrale. Colpito durante una visita a un monastero tibetano in Piemonte, da allora la sua vita è decisamente cambiata.

Volto storico di Buona Domenica Paperissima al fianco di Lorella Cuccarini, nonché della serie Caro maestro, dopo essersi ripreso è tornato solo poche volte alla guida di programmi tv, riducendo di molto le sue apparizioni. Pur avendo vinto ben 13 Telegatti, oggi Marco Columbro si dedica completamente al teatro, proprio come faceva agli inizi della sua carriera.

Marco Columbro: "Vorrei un nuovo programma"

Non è la prima volta che Marco Columbro si apre ai media per essere stato dimenticato dalla tv. Dopo gli sfoghi dello scorso anno, l'attore e conduttore italiano era tornato sull'argomento già ad aprile in un'intervista a Repubblica. Ad essergli stata fatale la malattia che lo ha colpito nel 2011. Sulle pagine di Nuovo, infatti, ha commentato:

Da tanti anni manco dal piccolo schermo. Oggi faccio teatro e tiro avanti grazie all’affetto della mia donna e di mio figlio. Per la tv sono morto, meno male che c’è la famiglia! […]. Per strada sento ancora l’affetto delle persone. C’è chi mi ferma convinto di avermi seguito la sera prima in un programma e invece manco dalla televisione ormai da tantissimi anni.

L'allontanamento quasi totale dal mondo della televisione non gli ha impedito, però, di continuare la sua carriera artistica nel teatro. Prima di diventare presentatore, infatti, aveva iniziato come attore. Cresciuto con Dario Fo, lo scorso anno ha portato in giro per l'Italia la commedia Alla stessa ora il prossimo anno con Gaia De Laurentiis. Oltre alla recitazione a fargli forza c'è anche la compagna Marzia, che condivide con lui tante passioni, come il resort che ha aperto in Toscana e la sua azienda di cibo biologico. Sin dagli anni '70, infatti, Marco Columbro ha un forte interesse per la medicina alternativa, l'ecologia e l'agricoltura biologica. Studioso anche di esoterismo, ha poi dichiarato:

Mi piacerebbe condurre un programma di controinformazione dove poter trattare temi diversi: dalla medicina alternativa all’agricoltura biologica, dall’ufologia alla spiritualità. Tutti argomenti a me cari, visto che da 35 anni mi occupo di esoterismo. Lo chiamerei Risveglio, io che un risveglio nella vita l’ho avuto.

D'altronde, anche se il teatro riempie la sua vita come faceva agli esordi, la tv gli manca davvero. Senza nascondere un po' di amarezza per quanto accadutogli, ha rivelato di avere nostalgia per quegli anni in cui si definiva "il soprammobile di casa degli italiani", per via delle sue tante ore di diretta.

17 CONDIVISIONI
Marco Columbro: "Dopo la malattia per la tv sono morto, nessuno mi chiama da 15 anni"
Marco Columbro: "Dopo la malattia per la tv sono morto, nessuno mi chiama da 15 anni"
Isola dei famosi 2016, la crisi di Marco Carta: "Sto male, non ce la faccio più"
Isola dei famosi 2016, la crisi di Marco Carta: "Sto male, non ce la faccio più"
Rama Lila: "Jonàs e Marco Carta? Niente di male se ha cambiato orientamento"
Rama Lila: "Jonàs e Marco Carta? Niente di male se ha cambiato orientamento"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni