245 CONDIVISIONI
video suggerito
Festival di Sanremo 2020

Amadeus alla conferenza stampa di Sanremo: “Le polemiche? Non ci sono primedonne”

245 CONDIVISIONI

La terza serata di Sanremo 2020 ha segnato un nuovo record in termini di share, anche grazie alla lunga durata protrattasi fino alle 2. La classifica provvisoria della puntata dedicata ai duetti e alle cover che hanno fatto la storia del Festival ha premiato Tosca e la sua cover di "Piazza Grande". Roberto Benigni ha dedicato il suo intervento al Cantico dei Cantici, notevole la presenza della conduttrice albanese Alketa Vejsiu, mentre Georgina Rodriguez ha portato con sé il fidanzato Cristiano Ronaldo. Ecco i commenti alla serata dei duetti di Sanremo 2020.

In evidenza

Roberto Benigni telefona Amadeus in conferenza stampa: "Sei il migliore di sempre"

Immagine

Amadeus nella conferenza stampa di presentazione della quarta serata ringrazia tutti:

Sono commosso per quello che sta accadendo. Quando questo accade, accade perché le persone intorno a te ti permettono di realizzare quello che tu pensi e si fidano. La fiducia è una cosa importante perché un progetto possa essere realizzato. Pensare a un Festival così, lo sognavo da agosto. Ma era un desiderio che avevo già da prima, immaginando il mio Festival se mi fosse toccato questo privilegio. Quello che sta accadendo è esattamente quello che avevo nella testa. Non sarebbe stato possibile realizzarlo se le persone non si fossero fidate di me. Ringrazio quindi la Rai, la spinta decisiva e tutto il supporto è arrivata anche dal direttore Stefano Coletta, che ha una idea di pop come la intendo io. Vorrei ringraziare anche un amico che dal 2 agosto ha dato una mano a realizzare le mie idee, amico e manager Lucio Presta. Far vivere il Festival a tutta la città di Sanremo è stata un'altra cosa bellissima. Una novità. Abbiamo trovato un sindaco con un grande entusiasmo, amato dai suoi cittadini, che ci ha permesso di realizzare quello che noi avevamo in mente.

Roberto Benigni telefona a sorpresa

Ieri sera è stato bellissimo averti vicino. Sei tu che ispiri poesia, hai capito? È tutta colpa tua, sei il più grande conduttore che io abbia mai visto. Sanremo può reggere anche il Cantico dei Cantici.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
13:53

Amadeus: "Non ci sono primedonne, sono tutti artisti e io li metterò a loro agio"

Amadeus risponde a una domanda sui presunti capricci dietro le quinte degli artisti: "Primedonne? Sono tutti artisti, ci sono 24 cantanti. La persona che deve tenere il timone deve per forza tenere sott'occhio tutto il Festival. Io considero gli artisti delle persone intelligenti, proprio perché sono artisti devono avere la follia, l'imprevedibilità. Tutti sanno che possono relazionarsi con me e io li metterò a proprio agio. All'artista non gli dici cosa deve fare". 

13:49

Amadeus su Morgan: "Non è successo niente, è stato libero di fare quello che vuole"

Amadeus su Morgan: "Non è successo niente, c'è stato solo un po' di trambusto perché lui voleva fare quei movimenti e quegli spostamenti. Mi hanno fatto chiamare, gli ho chiesto cosa volesse fare e io gli ho detto: ‘sei libero di fare quello che vuoi'".

13:42

Amadeus difende Junior Cally: "Difenderò sempre l'arte di un cantante"

Amadeus su Junior Cally: "Difenderò sempre l'arte di un cantante. Junior Cally l'ho chiamato a Sanremo per questa canzone. Lui stesso disconosce quel testo, dicendo ‘non sono quello che io penso, sto raccontando una storia di violenza e disagio'. Ma non può rinnegare quella violenza. Perché può essere pericolosa, lo sa bene. Questo non ci deve permettere di creare e togliere persone che possono aver un talento. Questa canzone era meritevole di stare a Sanremo, come le altre 23. Le canzoni non possiamo chiuderle a un genere. Deve essere di tutti, anche musicalmente parlando". 

13:35

Amadeus: "Non so se saremo io, Fiorello e Tiziano Ferro sul palco insieme"

Amadeus sulla presenza con Fiorello e Amadeus sul palco, tutti insieme: "Tutti e tre sul palco non lo so perché è un Festival imprevedibile anche per me. Non lo so se questo accadrà e quando accadrà". Sulla presenza di Johnny Dorelli: "Mi ha chiamato personalmente lunedì, dicendomi che non si sentiva bene e non se la sentiva di essere martedì al Teatro Ariston. Gli ho fatto gli auguri di una buona guarigione. Le porte fino a sabato per lui sono aperte". 

13:32

Amadeus: "Non è una colpa di Georgina essere la donna che Ronaldo ama"

Cosa farai per uscire dal cliché della ‘fidanzata di', visto che Georgina è uscita ieri in scena proprio come la ‘fidanzata di Cristiano Ronaldo'? Domanda dalla sala stampa per Francesca Sofia Novello: "È il personaggio di Ronaldo che è così forte al punto da rendere obbligatoria la sua partecipazione. Quando c'è un personaggio così importante, mi sembra giusto dargli importanza. Poi, io voglio salire sul palco come Francesca Sofia Novello, infatti Valentino Rossi non ci sarà. Non è che sono contenta che lui non sia presente, anzi, fa piacere a tutte le donne che ci sia il proprio compagno. Ma lui è in Malesia a fare i test. Non avrei comunque voluto che fosse lì, proprio per evitare che sia successo quello che è successo a Georgina, per fare concentrare tutto su di lui. Era il momento di Georgina e comunque si è presa il suo momento, penso ne sia uscita bene". 

Anche Amadeus replica: "Non è una colpa essere la donna che Ronaldo ama, non è colpa di Georgina. Non è colpa di Francesca se è la donna che Valentino Rossi ama. In termini di spettacolo, Georgina ha dimostrato di essere simpatica, intelligente e brava. Il pezzo di tango non l'aveva mai fatto e ha raccontato: ‘Me l'ha insegnato Cristiano'. Sono su quel palco perché sono bravo e, inevitabile, sarebbe ipocrita dire che ho conosciuto Georgina se non perché è la fidanzata di Ronaldo. Certamente, quello che vedo è una bella immagine. Noi non possiamo sempre pensare ipocritamente che questo non accada. A me mi hanno dato del presentatore ombra di Fiorello perché sono amico di Fiorello. Ma chissene: essere amici di un grande showman, non è una colpa. È un vanto". 

13:26

Amadeus: "Non mi pento di nulla, Festival lungo ma di grande successo"

Amadeus sulla lunghezza del Festival di Sanremo: "Non mi pento di nulla, è la cifra del mio Festival. Se scelgo 24 canzoni, il Festival diventa più lungo. Intorno a queste 24 canzoni, va costruito uno show. È una cifra di questo Festival, che permette a chi lo precede e a chi arriva dopo di avere un clima e un risultato estremamente importante. Mi piacerebbe che tutte le persone che fanno parte di questo Festival, accettassero di poter fare più tardi perché i risultati a cascata illuminano tutta la giornata. Lo show si accorcia se ci sono lungaggini inutili, ho un ritmo che mi permette di non sbrodolare. Permettetmi di dire che sarà pure un Festival più lungo rispetto al solito, ma affrontiamolo con il sorriso e con l'idea di dormire dalla settimana prossima".

13:18

Antonella Clerici, no comment su Teresa De Santis: "Il passato? Non voglio dire niente"

Antonella Clerici e il ‘no comment' su Teresa De Santis, la ex direttrice che l'ha messa fuori dai giochi per una stagione.

Il direttore sa dove vuole arrivare, giusto che faccia una Rai1 come vuole lui. Per una volta, però, mi sento presa per mano. Quindi mi piace affidarmi al direttore e fare una cosa che uno non si aspetta. Ultimamente, è mancato il mio spirito gioioso e giocoso. Quindi, magari ritornare a fare le mie peculiarità. Rispetto a quello che è successo in questi mesi non voglio dire niente.

13:15

Francesca Sofia Novello: "Come Diletta Leotta anche a me la bellezza è capitata"

Francesca Sofia Novello:

Mi sono sentita male per tutto quello che è successo. Ho apprezzato tanto l'intervento di Diletta Leotta, perché anche a me la bellezza mi è capitata. Ho sentito da parte di Rula Jebreal il senso del femminismo e sul palco l'ho sentita tanto questa sua forza di voler essere una donna che sta dalla parte delle donne. Sono rimasta sorpresa anche dalle parole di Emma D'Aquino sui giornalisti. Mi è piaciuto tantissimo, anche se non è un messaggio femminile, l'intervento di Paolo, il ragazzo malato di Sla. Perché sui social ho visto poco parlare di lui, volevo fargli i miei complimenti. Un momento toccante. Il mio motto è "se insisti e resisti raggiungi e conquisti".

13:10

Antonella in lacrime in conferenza stampa: "È stato un anno difficile, questi complimenti mi commuovono"

Immagine

Stefano Coletta reintegra Antonella Clerici a pieno titolo su Rai1 e la lascia esplodere in lacrime: "Antonella è un personaggio fondamentale, un asset da valorizzare e su cui puntare sempre per questa azienda. Vorrei con lei costruire nel mantenimento del suo codice, di leggerezza e profondità, un suo ritorno meno prevedibile. Mi piacerebbe perché Antonella è una donna sorprendente, che sa mettersi in gioco". Poi aggiunge: "È una bestemmia che Antonella Clerici non sia su Rai1 da un anno. Merita di tornare con tutti gli onori su Raiuno, senza se e senza ma". 

Antonella Clerici finisce in lacrime: "Scusate, ma queste parole mi emozionano e mi rincuorano. Ho passato un anno veramente difficile". 

13:00

Stefano Coletta: "Amadeus bis? Ne parleremo"

Stefano Coletta ritorna sulla possibilità di un Amadeus bis:

Dico la verità, con Amadeus non ne abbiamo ancora mai parlato. Credo che le cose vadano fatte bene. Siamo storditi da questo successo, quindi come non pensare a un bis rispetto a questa meraviglia. Ma i bis vanno concordati, ragionati, legati a una disponibilità delle persone coinvolte. Credo che la migliore cosa sia che a Roma io, Amadeus e l'amministratore delegato ci incontriamo per parlarne. Amadeus ha lunga storia in Rai, glielo dobbiamo riconoscere tutti che oltre alla sua particolare metodologia, molto rigorosa, che ha esercitato nella direzione artistica e nella conduzione, per me è anche una rivelazione sul piano della performance televisiva. Ieri sera, ha avuto una parabola da intrattenitore molto sua, molto nuova.

Sul monologo di Roberto Benigni

Non ho rintracciato nessuna morbosità nel monologo di Roberto Benigni. Nella sua capacità analitica e narrativa, è davvero un fuoriclasse. Potremmo stare qui a ragionare se ha fatto un buon uso del Cantico dei cantici? Una versione rispettosa? No. Il suo inno all'amore partiva da una filologia molto, molto interessante. Non ho rintracciato nessun passaggio soprattutto non autentico. Credo che nella veicolazione di contenuti, l'onestà sia sempre premiata se intelligente. Ci ha consegnato una versione del Cantico dei cantici ancora più nuova e ancora più entusiasta.

12:56

Amadeus su Tiziano Ferro e Fiorello: "Il problema non è mai iniziato"

Amadeus chiarisce ancora una volta su Fiorello e Tiziano Ferro:

Con Tiziano Ferro non c'è stato nessun problema. Ho solo detto che è stata una battuta infelice quella di Tiziano. Queste mie parole hanno fatto sì che qualcuno potesse prendere questa cosa come una cosa vera. Tra di loro c'è un fantastico rapporto, vorrei difendere una cosa di questo Festival che è il senso di rispetto e di amicizia che c'è. Fiorello è in perfetta forma e mi è mancato molto ieri sera. Così come Tiziano è in forma. Il clima è bellissimo. Lo stesso Tiziano ha capito che quella battuta si poteva considerare una polemica e si è immediatamente calmata. Il problema non è che è finito, non è mai iniziato.

12:54

L'ordine di uscita di stasera

Confermata la quarta serata con Fiorello, con Tiziano Ferro, con Ghali, Gianna Nannini, Tony Renis, Dua Lipa. Si aprirà con la classifica generale aggiornata a quella della terza serata. Poi ci sarà la gara delle Nuove Proposte: Fasma contro Leo Gasmann, Tecla contro Marco Sentieri. Voteranno le tre giurie: demoscopica, sala stampa e televoto.

L'ordine di uscita dei 24 big in gara

  1. Paolo Jannacci
  2. Rancore
  3. Giordana Angi
  4. Francesco Gabbani
  5. Raphael Gualazzi
  6. Anastasio
  7. Pinguini
  8. Elodie
  9. Riki
  10. Diodato
  11. Irene Grandi
  12. Achille Lauro
  13. Piero Pelù
  14. Tosca
  15. Michele Zarrillo
  16. Junior Cally
  17. Le Vibrazioni
  18. Alberto Urso
  19. Levante
  20. Bugo e Morgan
  21. Rita Pavone
  22. Enrico Nigiotti
  23. Elettra Lamborghini
  24. Marco Masini
12:43

Francesca Sofia Novello: "Spero di trasmettere emozioni stasera"

Francesca Sofia Novello sarà la seconda co-conduttrice della quarta serata che affiancherà Amadeus. In conferenza stampa, esordisce così:

Sono veramente emozionata di far parte di questa meravigliosa edizione. Ho seguito il Festival tutte le sere dalla camera dell'albergo. Sono stati lanciati dei messaggi veramente positivi. Ognuno ha raccontato una storia privata, questa cosa mi è piaciuta. Spero stasera di trasmettere le stesse emozioni che le mie colleghe hanno saputo trasmettere a me le sere precedenti.

12:43

Antonella Clerici: "Amadeus ha fatto un Festival con il cuore"

Antonella Clerici sarà una delle co-conduttrici della quarta serata del Teatro Ariston: "La percezione è stata di una televisione corale. In una televisione conflittuale, c'è stata invece una armonia. Lui ha invitato davvero i suoi amici, ha scelto le canzoni che gli piacevano, ha fatto un festival con il cuore. L'amicizia è stata alla base di questo Festival. L'amicizia di Fiorello, di Roberto Benigni, la mia in piccola parte. Di tutte le persone che vengono qui e sono davvero felici di partecipare a questo Festival".

12:31

Stefano Coletta: "È il Sanremo dei record"

Come di consueto, il punto sugli ascolti tv li fa Stefano Coletta, direttore di Rai1: "C'è stata una crescita ulteriore della terza serata che richiama record in tutti i sensi. Dobbiamo risalire al 1997 per ritrovare uno share più alto, dobbiamo risalire al 1999 per ritrovare un numero di teste più alto. Questo dato è contabilizzato sulla stessa omogenea temporalità di messa in onda. Ogni Festival ha una sua caratteristica, noi abbiamo messo a confronto la stessa emissione, rintracciando gli orari di messa in onda paralleli. Si tratta di un valore, per quanto riguarda la terza serata, ancor più stroardinario. Una media del 54.5% e 9.8 milioni, prima parte al 53.6 e seconda al 57.2, la prima parte raggiunge oltre 13.5 milioni di teste. Il Festival sta superando ogni prestazione. Rispetto a questo dato straordinario, vanno le congratulazioni a Amadeus in primis. A tutti, a tutta la squadra degli autori, al vicedirettore Fasulo, che davvero hanno organizzato una narrazione che evidentemente ha trainato tutti. Si tratta del Festival dei Record, ma si tratta anche del Festival dell'arrivo imponente dei target giovani. Siamo passati rispetto a un anno fa a 6 punti di scarto nella presenza dei giovanissimi, siamo quasi al 55%. Solo sei anni fa, nel 2014, erano meno della metà. L'edizione, peraltro legata ai 70 anni del Festival, possiamo titolare che c'è una fame di memoria. Voler recuperare per i giovanissimi anche la storia di questo Festival. I momenti salienti sono stati tanti, perché la curva è stata molto stabile, nonostante le grandi pause pubblicitarie. Il primo momento che testimonia l'attenzione al Festival è la salita sul palco delle 7 artiste, venute non a cantare ma veicolare un messaggio contro il femminicidio. Passiamo dal 45% di share al 52%. Con una brevità di intervento, recuperare sette punti è significativo".

Le parole di Stefano Coletta su Amadeus

Amadeus è un grande intrattenitore. Rispetto a una conduzione standard ieri sera ha dato prova di una sua maturità artistica, in assenza di Fiorello.

12:21

Giovanni Toti: "Dedichiamo il Festival a chi sta lavorando per la ricostruzione del Ponte Morandi"

Giovanni Toti, presidente della Regione: "Oggi è la giornata internazionale contro il bullismo. Nelle giornate passate, parole di troppo anche sul ponte Morandi. E un altro merito di questo Festival è che su quel palco si è parlato con toni concilianti. Siamo felici di questo. Dedichiamo questo Festival agli uomini e alle donne che lavorano alla ricostruzione del Ponte Morandi"

Le dichiarazioni del sindaco

Il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri: "Si parla di temi di grande importanza con il massimo della delicatezza. Amadeus ha avuto un coraggio incredibile. Questa formula sta funzionando e siamo tutti contenti. C'erano anche grossi rischi, nel gestire una città, creare un secondo palco, portare temi importanti in trasmissione. Quindi, io ringrazio Amadeus che è stato davvero coraggioso, così come ringrazio tutta la squadra della Rai. Finalmente, la città sta funzionando e fa vivere tutta la città del Festival". 

12:07

La conferenza stampa di Sanremo del 7 febbraio 2020

La conferenza stampa di Sanremo del 7 febbraio 2020 si apre per commentare gli ottimi risultati agli ascolti tv della terza serata, quella dei duetti. Si tratta dello share più alto dal 1997, quando vinsero i Jalisse. Si presenterà anche la quarta serata del Festival, quella in cui ci saranno di nuovo tutti i 24 Big in gara con le proprie canzoni inedite. Presenti: Amadeus, Antonella Clerici, Claudio Fasulo, il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri e il presidente della Regione Giovanni Toti, il direttore di RaiPlay Elena Capparelli e il direttore di Rai1 Stefano Coletta.

10:04

Ascolti terza serata di Sanremo 2020: il festival segna il 54% di share

Immagine

Gli ascolti della terza serata di Sanremo 2020 in onda mercoledì 6 febbraio ha superato le precedenti in termini di share: 54,5% è la percentuale raggiunta, con 9,8 milioni di spettatori netti. Uno share altissimo, guadagnato anche grazie al protrarsi della serata fino a notte inoltrata: la puntata è durata sino alle 2, un record. Questo il dettaglio: la prima parte dalle 21.23 alle 23.47  ha registrato 13.533.000 spettatori con il 53,62%, la seconda parte dalle 23.51 all’1.59 ha raccolto 5.636.000 spettatori col 57,17%.

A cura di Valeria Morini
02:56

Le pagelle, Tosca e Raphael Gualazzi i migliori della terza serata di Sanremo 2020

Immagine

Si chiude la terza serata del Festival di Sanremo, fatta di celebrazioni dei 69 anni di storia della kermesse. Una serata dominata dalla presenza ingombrante di Georgina Rodriguez e del compagno Cristiano Ronaldo, seduto in prima fila, che però ci ha anche permesso di scoprire un nuovo personaggio televisivo interessante, la conduttrice albanese Alketa Vejsiu, che ha affiancato Amadeus alla conduzione.

Fatta eccezione per il giallo Tiziano Ferro-Fiorello (che avrebbe addirittura minacciato di andarsene) e l'imponente intervento di Roberto Benigni, la serata ha messo al centro la musica. I 24 Big hanno omaggiato la storia di Sanremo rispolverando grandi classici della tradizione e ad avere la meglio è stata Tosca, che ha vinto con una deliziosa versione di "Piazza Grande", cantata insieme a Silvia Perez Cruz. Fanalino di coda la coppia Bugo-Morgan, evidentemente penalizzati dal voto dell'orchestra dopo il caos scatenatosi in mattinata a causa delle dichiarazioni dell'ex Bluvertigo, la cui presenza sul palco è stata in forse fino all'ultimo. Morgan è comunque entrato nella storia del Festival come primo artista ad autodirigersi. Degne di nota anche le esibizioni di Raphael Gualazzi e Simona Molinari, così come Achille Lauro in versione David Bowie insieme ad Annalisa (qui le pagelle delle esibizioni della serata).

L'appuntamento è per la quarta serata di venerdì 7 febbraio, quando si esibiranno nuovamente tutti e 24 i Big e verrà eletto il vincitore tra le Nuove Proposte.

A cura di Andrea Parrella
02:18

Alketa Vejsiu parla a nome dell'Albania: "Grazie Italia e Grazie Festival di Sanremo"

Immagine

La serata volge al termine e lo spazio è per Alketa Vejsiu, sul palco per raccontare la sua storia, che è la storia del suo paese, un popolo da sempre influenzato dalla cultura italiana,  dove, come per molti altri paesi dell'est, Sanremo ha avuto un valore simbolico che andava oltre la semplice manifestazione canora: "C'era una volta un paese in cui ascoltare una canzone di Baglioni o Battisti poteva costarti la libertà. Un paese dove se eri bionda eri sospettata, perché bionda era Raffaella Carrà. Un paese dove Sanremo è sempre stato Sanremo, anche se dovevamo vederlo dopo aver chiuso porte e finestre. Questo era un prezzo da pagare se vivevi in quegli anni bui. E io dico grazie all'Italia per aver tenuti accesi i nostri sogni in quegli anni bui, quando provavamo a raggiungere la costa di fronte per poter vivere". Quindi parla di Ermal Meta, di origini albanesi e vincitore del Festival di Sanremo nel 2018 con Fabrizio Moro:

Se sono qui su questo palco è per dire anche grazie Sanremo, che non è solo il simbolo della musica. Questo è un posto dove un giovane ragazzo sbarcato con una nave ha vinto il Festival.

Quindi il ringraziamento all'Italia, che evidentemente ha rappresentato per l'Albania un sogno americano. L'intervento della conduttrice albanese si chiude con l'ingresso di Bobby Solo sul palco, che insieme a lei canta "Una lacrima sul viso".

A cura di Andrea Parrella
02:04

Tosca prima in classifica nella terza serata del Festival di Sanremo

Immagine

A conclusione della serata, Amadeus legge l'attesa classifica e il risultato non è affatto sorprendente. A vincere è Tosca con la splendida versione di "Piazza Grande". Ecco l'esito della serata cover, che vede Morgan e Bugo in fondo, per evidente effetto del caos provocato oggi da Mrogan, il quale per ore ha minacciato di non salire sul palco per divergenze proprio con l'orchestra:

1 Tosca

2 Piero Pelù

3 Pinguini Tattici Nucleari

4 Anastasio

5 Diodato

6 Le Vibrazioni

7 Enzo Jannacci

8 Francesco Gabbani

9 Rancore

10 Marco Masini

11 Raphael Gualazzi

12 Enrico Nigiotti

13 Rita Pavone

14 Irene Grandi

15 Michele Zarrillo

16 Achille Lauro

17 Levante

18 Giordana Angi

19 Elodie

20 Alberto Urso

21 Junior Cally

22 Riki

23 Elettra Lamborghini

24 Bugo e Morgan

A cura di Andrea Parrella
01:51

Francesco Gabbani vestito da astronauta canta "L'Italiano"

Immagine

L'ultimo a esibirsi questa sera è il primo nella classifica provvisoria di questo Sanremo 2020. E gli omaggi Francesco Gabbani sa come farli, perché la sua "L'italiano", pur non avendo artisti di accompagnamento per un duetto, è segnata dal suo travestimento da astronauta, con tanto di bandiera italiana. Alla prova dell'impatto visivo, funziona e se consideriamo che questa serata conta ai fini della classifica finale, non è escluso che questa esibizione possa avvicinare Gabbani all'ennesima vittoria sanremese.

A cura di Andrea Parrella
01:46

Elettra Lamborghini e Myss Keta con "Non succederà più" a Sanremo con tanto di bacio finale

Immagine

Arriva il momento della cover di Elettra Lamborghini, che insieme a Myss Keta porta sul palco dell'Ariston "Non succederà più", canzone presentata fuori gara da Claudia Mori a Sanremo del 1982. Per l'estraneità di Lamborghini e Myss Keta alla tradizione festivaliera si trattava di un'esibizione molto attesa.

A cura di Andrea Parrella
01:39

Paolo Jannacci e Francesco Mandelli ricordano Enzo Jannacci con "Se me lo dicevi prima"

Immagine

Penultima esibizione della serata è quella di Paolo Jannacci e Francesco Mandelli, che insieme omaggiano Enzo Jannacci e la sua "Se me lo dicevi prima", canzone che presentò al Festival di Sanremo del 1989, un testo scritto a quattro mani con Maurizio Bassi, patron del progetto musicale Baltimora.

A cura di Andrea Parrella
01:32

Piero Pelù omaggia Little Tony con "Cuore Matto", standing ovation per l'artista toscano

Immagine

Tra i refrain più noti della storia della musica italiana c'è sicuramente "Cuore Matto" e anche questa canzone viene omaggiata nel corso della terza serata del Festival di Sanremo da uno scatenato Piero Pelù, che non duetta con nessuno, facendo cantare al Little Tony del 1967 la seconda strofa. Il cantante, scomparso nel 2013, portò la canzone a Sanremo insieme a Mario Zelinotti, confezionando una vera e propria hit. Terminata l'esibizione apprezzatissima dal pubblico, Pelù lascia il palco così: "Mi vergogno di essere un uomo ogni volta che viene commesso un femminicidio".

A cura di Andrea Parrella
01:23

Irene Grandi e Bobo Rondelli cantano "La musica è finita"

Immagine

Irene Grandi e Bobo Rondelli sono i ventesimi a esibirsi questa sera, anche loro con un successo memorabile della storia di Sanremo, "La musica è finita", portata a Sanremo nel 1967 da Ornella Vanoni e scritta da Franco Califano e Umberto Bindi.

A cura di Andrea Parrella
01:17

Morgan c'è dopo le minacce di forfait, insieme a Bugo canta "Canzone per te"

Immagine

Morgan decide di salire sul palco e questa è già una notizia dopo le polemiche delle scorse ore, quando l'artista aveva minacciato di non cantare "Canzone per te", il classico che lui e Bugo avevano deciso di omaggiare. Alla fine Castoldi decide per il sì, dirigendo lui stesso l'orchestra per questo omaggio al classico sanremese con cui Sergio Endrigo vinse il Festival di Sanremo 1968 con Roberto Carlos. L'effetto è un po' straniante, con una prima parte eseguita solo piano e voce e la seconda con Morgan che si lancia a dirigere gli archi e il resti dell'orchestra. Poteva riuscire meglio, ammettiamolo.

A cura di Andrea Parrella
01:12

Achille Lauro in versione Bowie e Annalisa cantano "Gli uomini non cambiano"

Immagine

Ulteriore dimostrazione che i migliori duetti li stiamo vedendo nel finale di serata, è l'esibizione di Achille Lauro e Annalisa. L'artista dà un calcio alle polemiche suscitate dal suo look della prima serata travestendosi da David Bowie in versione Ziggy Stardust per una validissima rivisitazione di "Gli uomini non cambiano". Non solo bella da ascoltare, ma anche da vedere, con una resa scenica che rende benissimo la solennità che va riconosciuta a questa splendida canzone.

A cura di Andrea Parrella
01:06

Rita Pavone e Amedeo Minghi cantano "1950"

Tra i successi più noti della carriera di Amedeo Minghi c’è “1950”, brano su una storia d’amore nell’Italia del dopoguerra. Presentata in gara al Festival di Sanremo dal cantautore nel 1983, la canzone non valse a Minghi un ottimo posizionamento, ma è divenuta poi il suo cavallo di battaglia. Ad omaggiarla per i 70 anni del festival nella serata del giovedì c’è sul palco dell’Ariston Rita Pavone, accanto proprio ad Amedeo Minghi.

A cura di Andrea Parrella
01:05

Sfogo dietro le quinte di Fiorello per l'attacco di Tiziano Ferro. Amadeus rassicura: "Domani ci sarà"

Immagine

Nella dimensione parallela al Festival di Sanremo, il dietro le quinte, sembra che si stia consumando un caso che riguarda Fiorello e Tiziano Ferro, per effetto delle frasi di quest'ultimo pronunciate ieri sera sul palco. Secondo un'indiscrezione pubblicata dal Corriere della Sera, lo showman siciliano non avrebbe gradito le parole di Tiziano Ferro, con il quale si sarebbe scontrato verbalmente dietro le quinte, minacciando addirittura di lasciare Sanremo. Una versione dei fatti che coinciderebbe con le scuse pubblicate sui social nel corso della serata proprio da Tiziano Ferro, sostanziali scuse rivolte a Fiorello. A rassicurare tutti ci ha pensato Amadeus negli stessi minuti, quando in scena ha detto: "Domani Fiorello sarà qui con noi".

A cura di Andrea Parrella
245 CONDIVISIONI
680 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views