De Filippi e Costanzo si intervistano a vicenda.

Sarà Maria De Filippi la protagonista della puntata de “L’Intervista”, che andrà in onda il 2 febbraio 2017 su Canale 5 alle ore 23.30. La conduttrice e Maurizio Costanzo, per la prima volta, si intervistano a vicenda. Il talk one-to-one del noto giornalista e conduttore tv cambia formula per una serata. Lo fa in virtù della natura particolare dell’ospite di questa puntata. Com’è noto, infatti, la De Filippi è la moglie di Costanzo, sua compagna da oltre 20 anni.

De Filippi e Costanzo, un’unione che dura da 20 anni.

Quello tra Maria De Filippi e Maurizio Costanzo è un connubio che dura già da un ventennio. Alla sua seconda edizione del talk, il giornalista ha voluto accanto a sé la moglie affinché potesse ripercorrere insieme a lui gli eventi che hanno segnato la loro vita insieme e le rispettive carriere. All’epoca in cui Maria non era ancora diventata “Queen Mary”, fu proprio il marito a lanciarla e a concederle un’opportunità n tv. Nemmeno lui immaginava che, a quasi 25 anni di distanza da quel momento, la De Filippi sarebbe diventata al conduttrice più rappresentativa della televisione italiana. Il 2017 porterà alla De Filippi la meritata consacrazione. Quest’anno Maria salirà sul palco del Festival di Sanremo, per la prima volte nelle vesti di conduttrice insieme a Carlo Conti. Nel corso dell’intervista doppia di questa sera, elencherà quali sono stati i motivi che l’hanno spinta ad accettare l’invito della Rai.

Nel corso di un’altra intervista, rilasciata questa volta al settimanale “Chi”, Costanzo ha faticato a nascondere l’orgoglio e la sua sincera devozione

Mia moglie mi ha fregato, alla grande! Avevamo pensato a questa intervista per l'ultima puntata. Io avrei preparato i filmati per lei, e lei sarebbe stata un'ospite come gli altri. Io sono molto meticoloso e avevo già fatto montare i filmati con titoli e narrativa, per usarli quando sarebbe venuta. E invece, mentre aspettavo un altro ospite, è sbucata all'improvviso e mi ha fregato. Me l'ha fatta. Segno che anche quando pensi di controllare tutto, poi il tutto controlla una parte di te. È stato un momento emozionante. Alla mia età, dopo aver combattuto la mafia, dopo aver raccontato le tragedie d'Italia e avere incontrato i personaggi che hanno fatto la storia, da Totò a Oriana Fallaci a Donald Trump, non credevo di potermi emozionare ancora così. Di dover trattenere il fiato per portare a termine il mio lavoro.

Andrà in onda questa sera il prodotto di tale sorpresa, per un appuntamento che si prospetta davvero emozionante.


La ‘prima cosa bella’ di Maria è il figlio Gabriele: “È buono, un ragazzo perbene”


Un altro filmato introduce la partecipazione di Maria De Filippi a Sanremo 2017. Sarà lei a condurre il Festival insieme a Carlo Conti. Costanzo prende la parola: "Credo che sia giusto che tu lo faccia, è una sfida per te". Maria è di diverso avviso: "A me fa paura Sanremo, è una grande macchina della Rai". Costanzo: "Sono sicuro che lo farai bene. Sai che sono un ansioso da anni, ma so che andrai benissimo".

"La prima cosa bella" è il filmato successivo, e mostra Gabriele, il figlio della coppia

Hai rotto con questi filmati. Gabriele è una cosa bella. È un ragazzo intelligente, un ragazzo perbene. È onesto, pulito, Questi complimenti lui li sente adesso per la prima volta. Mi stupisce ogni giorno di più. È generoso. Ha un solo difetto. Lui lo sa e non lo dico. Penso che sarà un bravo padre. È un uomo fedele, quindi sarà anche un bravo marito.

Costanzo: "Io spero non adesso, ha 26 anni!", ma la De Filippi è pronta a rimproverarlo: "Non si può!".

L'ultima domanda spetta a Maria, che chiede a Costanzo quanti tra i personaggi che ha lanciato gli siano stati riconoscenti: "Metto la mano su Iacchetti, Covatta e anche Sgarbi. Li invitavo in trasmissione e se funzionavano, li invitavo di nuovo. Alcuni non li ho più invitati".

L'ultima battuta è di Costanzo, sull'amore per la Roma: "Berlusconi mi invitò a vedere una partita del Milan. Lui mi mise accanto a Sacchi. Mi chiese cosa ne pensassi di Virdis. Gli dissi che mi piaceva, e mi salvai la carriera".


Costanzo non lascia la tv: “Morirei se dovessi aspettarti a casa in poltrona”

In un altro filmato compare una carrellata degli artisti usciti da "Amici", dei personaggi migliori sfornati da "Uomini e Donne" e delle storie migliori di "C'è posta per te". Il video ripercorre i programmi della tv che portano la firma di Maria, tutti i suoi grandi successi televisivi. Costanzo preferisce C'è posta. "È il più impegnativo, ci tengo tanto ma è quello per cui faccio maggior fatica" dice Maria che prosegue: "Ad Amici sto molto bene, i ragazzi mi piacciono molto. A loro voglio restituire quello che ho avuto io".

Il filmato successivi si concentra sui successi televisivi di Costanzo. "Riusciresti a smettere di lavorare?" chiede Maria, ma il compagno è lapidario

Morirei aspettandoti in poltrona. Rivedendo queste immagini, mi rendo conto di quanto mi mancano Gassman e Sordi.

Costanzo si commuove ricordando Indro Montanelli.

Ricorda di aver scritto a Indro Montanelli: "Avevo 14 anni. All'epoca di andava a scuola due volte la mattina, e due il pomeriggio. Quel giorno, alle 14, mi telefonò a casa. Mi invitò nella sede del Corriere della Sera. Io saltai la scuola e ci andai. L'ho frequentato fino alla morte. Mi ha sempre chiamato Costanzino. Mi commuovo. Lo considero un grande, mi voleva bene. Mi dispiace di non poter portare con me una macchina da scrivere quando andrò dall'altra parte, ma se vado suo trovo più persone che conosco di quante ne conosca qui"


Maria De Filippi rimprovera Costanzo: “Sono io che faccio le domande!”

Un altro filmato, questa volta per la De Filippi, ripercorre la loro vita insieme. Nessuna lacrime questa volta, e la conduttrice e Costanzo rispondono insieme: "Queste immagini sono un pezzo di vita. Io ai matrimoni ero abituato, ne avevo fatti già tre".

Prosegue Maria

Io ero un po' meno serena. Mi ricordo tanti fotografi e ti che mi dicevi di andare a destra, a sinistra e di sorridere. Quell'estate andammo al mare in Toscana, e io andai ad affittare la casa. Siccome tu sei come gli altri uomini, cambiavi donna ma non cambiavi i posti, quando io andai ad affittare casa, il signore che le affittava mi disse: "Ma è sicura che venga anche lui?".

Costanzo spiega: "Una mia precedente relazione, l'avevo parcheggiata in un castello in Toscana e non mi ero fatto vedere". Maria si lamenta delle risposte di Costanzo, ma lui replica pronto: "Sono 40 anni che faccio domande. Adesso dovresti imbavagliarmi". Costanzo parla dei suoi nipoti

Mi piacciono molto i ragazzini. Ogni tanto li faccio venire in ufficio da me. Ne ho 4, una assomiglia curiosamente a mia madre. I miei figli? Il maggior pregio di Saverio è la serietà, quello di Camilla è il saper conciliare il suo ruolo di madre con la carriera. Il pregio di Gabriele è che è buono, bello dentro. Gli chiedo sempre se rimane o no, perché è una presenza che mi piace.


Costanzo e la mafia, De Filippi: “Mi promise che non se ne sarebbe più occupato”

Costanzo e la mafia, De Filippi: “Mi promise che non se ne sarebbe più occupato”

È la De Filippi a lanciare il secondo filmato. Ripercorre il periodo della lotta di Costanzo alla mafia. Maria porge le sue domande, ed è il compagno a prendere la parola

Quel gesto fu condannato, e si aggiunse all'irritazione che da sempre aveva Riina nei miei confronti. Anche Cuffaro se la prese con me e Falcone. Credo che stia ancora in carcere. Se quella sera non avessi cambiato macchina, sarebbe andata male. Quando fecero brillare la bomba, noi eravamo già fuori. Maria stette molto male. Le promisi che non mi sarei occupato di mafia a lungo ("No, avevi promesso che non te ne saresti più occupato" rettifica la moglie). Falcone, come Borsellino, era stato un grande magistrato. Quando convinse Buscetta a parlare, nell'interrogatorio parlava siciliano per agevolare il colloquio.

A domanda di Maria, Costanzo risponde: "Secondo me la morte di Falcone e Borsellino è servita. Credo anche che, quando la mafia è silente, è perché sta facendo affari e li sta facendo con una frangia dello stato. La loro morte è servita a rendere chiara la lotta dello stato. Quando Falcone morì, io ero con Santoro per il premio regia televisiva. Fu molto faticoso andare in scena".


Gli occhi lucidi della De Filippi: “Alla morte di mio padre non ero preparata”

Gli occhi lucidi della De Filippi: “Alla morte di mio padre non ero preparata”


Maurizio Costanzo introduce la puntata senza nascondere l'emozione: "Questa è un'intervista particolare. Io lancerò dei filmati che la riguardano, e lei lancerà dei filmati che riguardano me". Il primo filmato è per Maria De Filippi, dal titolo "Pavia". È legato ai ricordi della sua famiglia d'origine, e gli occhi della conduttrice diventano subito lucidi: "Un inizio leggero". Prosegue Costanzo: "Quando il suo papà è venuto a mancare, noi stavamo insieme da un paio di anni. La madre tutto è stato, meno che una suocera". Parla la De Filippi

Con mio padre ero molto coccolona. Era molto dolce, e grasso come te. Mi accoccolavo sulla sua pancia. Quando si è ammalato, avevo 28 anni e credevo avrei potuto combattere qualsiasi cosa. È stata dura, perché non ero preparata. È stato un anno e mezzo in rianimazione. Mia madre era diversa, molto dipendeva dalla sua educazione. Nell'ultimo periodo era diventata molto dolce. Mi dava i baci come faceva mia padre.