Dopo ben quattro appuntamenti in prima serata su Rai1 con la fiction sulla vita di Leonardo Da Vinci, interpretato dall'attore irlandese Aidan Turner, si arriva ad un punto decisivo per l'estro dell'artista fiorentino: riceverà, infatti, delle commissioni che rappresenteranno in futuro alcune tra le sue opere più studiate e reinterpretate. Intanto, dopo anni di lontananza, il rapporto con Caterina da Cremona, la donna che è stata la sua musa e la sua salvezza, interpretata da Matilda De Angelis, sembra difficile da rinsaldare, nonostante tra i due esista un profondo legame.

Anticipazioni terza puntata del 6 aprile

Anche la terza puntata di "Leonardo", in onda martedì 6 aprile, sarà costituita da due episodi. Dopo il periodo lombardo, che ha portato grande fortuna al giovane e sempre più talentuoso Leonardo, l'artista continuerà a collaborare con il signore di Milano, Ludovico Sforza, che dopo la morte di sua moglie, commissiona al genio fiorentino un affresco. Si tratta de l'Ultima Cena, uno dei dipinti più noti di Leonardo Da Vinci che verrà realizzato nel refettorio di Santa Maria delle Grazie. Lavorare a questo dipinto sarà un vera e propria sfida e la sua anima tormentata verrà fuori in tutta la sua grandezza, tanto da spingerlo oltre i propri limiti e sperimentare nuove tecniche pittoriche.

Il ritorno a Firenze

Dopo diversi anni trascorsi a Milano, Leonardo decide di tornare nuovamente nella sua Firenze, dove intanto la sua fama è cresciuta e riceverà nuove importanti commissioni. Una volta tornato nella sua città natia, si troverà ad affrontare una serie di vicissitudini professionali e personali, che lo porteranno ad affrontare una profonda crisi. Sarà l'incontro con Lisa Gherardini a riaccendere la fiamma dell'arte e dell'ispirazione, la donna sarà protagonista di uno dei dipinti più famosi e misteriosi al mondo: La Gioconda. Intanto, tra Leonardo e Caterina che si sono ritrovati, ricominciare da dove si erano lasciati sarà più difficile del previsto, ragion per cui lui deciderà di accettare un lavoro ad Imola.