Gerry Scotti non è riuscito a trattenere le lacrime durante la puntata di C'è posta per te in cui è stato protagonista. Nell'ultima puntata della trasmissione condotta da Maria De Filippi, infatti, Gerry Scotti è stato l'ospite della storia di Cristina e Patrizio a cui la compagna ha voluto chiedere scusa per non essere riuscita a essergli vicina in alcuni momenti difficili che hanno passato e riconoscendogli la capacità di non mandare tutto all'aria nonostante le difficoltà: "Se non fosse stato per le sue parole e la sua caparbietà molto probabilmente ci saremmo lasciati" ha scritto la ragazza in una lettera emozionante.

Le lacrime e l'emozione di Gerry Scotti

Il conduttore è stato chiamato come sorpresa per Patrizio e come al solito è stato nascosto dietro la busta mentre Maria De Filippi leggeva una lettera in cui la ragazza aveva gettato dentro tutto il dolore che avevano provato e che lei non era riuscita, a detta sua, ad alleggerire. Un'emozione che Scotti ha contenuto a malapena e che è affiorata nel momento in cui nella lettera si raccontava la morte del padre della ragazza, l'impegno di Patrizio e come poco dopo avrebbero scoperto che sarebbero diventati genitori. Patrizio era scoppiato in lacrime e con lui anche Cristina, a quel punto la regia ha inquadrato Gerry Scotty che si asciugava le lacrime. "All'Eurospin abbiamo trovato il test di gravidanza che costava meno della farmacia ci siamo chiusi in bagno e quando abbiamo visto che era positivo siamo scoppiati a piangere come due cretini, ballando dalla gioia. Il giorno dopo ti sei messo subito a cercar lavoro: elettrauto, elettricista, lavamacchine, imbianchino, tutto hai fatto e come pensavi di essere confermato quelli ti mandavano via" si legge nella lettera nel momento della commozione.

La commozione e i regali di Scotti

 

"Dopo la nascita di Alessandro, mi ha detto ‘Sposami, non ho l'anello perché non ho un soldo, ma voglio trascorrere tutta la mia vita con te'. Se non fosse stato per te noi due ci saremmo persi. Tu non mollavi. Io mi arrabbiavo perché non c'erano la lavatrice e le reti del letto, né i termosifoni" recita ancora la lettera. L'incontro tra Scotti e Patrizio è partita con tutt'altra piega, con Scotti che ha vestito subito i panni dello zio simpatico cercando di stemperare un po' l'emozione ma alla fine cercando anche di dare qualche consiglio e regalo alla coppia, genitori oggi di due bambini, Ludovica e Alessandro.