"È passata la mezzanotte, dunque oggi è il 10 giugno e la nostra Nadia avrebbe compiuto 41 anni. Le vogliamo dire che ci manca tanto e buonanotte Nadia". Con le parole della conduttrice Nina Palmieri, accanto a Veronica Ruggeri e Roberta Rei, si è conclusa la puntata di ieri de "Le Iene", con un messaggio e una sigla finale dedicata alla giornalista e conduttrice Nadia Toffa, nata il 10 giugno 1979 e scomparsa il 13 agosto 2019. Nadia Toffa è un angelo per la redazione de Le Iene, per mamma Margherita, per quanti l'hanno voluta bene e per quanti hanno seguito negli anni le sue inchieste, le sue attività.

Il ricordo di Nadia Toffa sempre vivo

Il 10 giugno 1979 è una data importante così come quella del 13 agosto 2019, una data indimenticabile per un anno in cui tutto è cambiato. "Niente sarà più come prima", i colleghi de "Le Iene" diedero così la triste notizia sui social network. In carriera si occupò di molte inchieste, tra le più note quella sulla Terra dei Fuochi e sull'Ilva di Taranto, così come quella sulle passate di pomodoro italiane con pomodori cinesi. L'esordio a Le Iene all'età di 30 anni dopo le prime apparizioni televisive in emittenti locali dell'Emilia-Romagna e nella sua Brescia. Il 2 dicembre 2017, invece, il giorno in cui tutto è cambiato: la scoperata del malore che pensava di aver sconfitto.

Le parole di Margherita, la madre di Nadia Toffa

Margherita Rebuffoni, la mamma di Nadia Toffa, ha sempre usato parole toccanti per ricordare sua figlia: "La morte di Nadia è inaccettabile. Come si fa? Me l'ha insegnato lei. Ho vissuto con lei un anno e mezzo, quando si è sentita male. Sono stata in ospedale con lei 4-5 mesi e ho vissuto giorno e notte con lei. Lei mi ha insegnato che la vita è sacra, mi diceva: "Non devi sprecarne mai neanche un minuto"."