1 Dicembre 2021
13:05

La storia vera di Tutto il mio folle amore: Willi e Vincent sono Franco e Andrea Antonello

Il film di Gabriele Salvatores racconta la storia vera di Franco e Andrea Antonello, padre e figlio autistico che hanno fatto un viaggio in moto per 3 mesi tra Stati Uniti e Sud America.

Tutto il mio folle amore è il film di Gabriele Salvatores, presentato fuori concorso alla 76esima Mostra internazionale del cinema di Venezia, trasmesso in prima serata e in prima tv su Rai1 il 1 dicembre 2021. Il film racconta la storia vera di Franco e Andrea Antonello, padre e figlio autistico che hanno fatto un viaggio in moto per 3 mesi tra Stati Uniti e Sud America. Una storia che è stata raccontata dallo scrittore Fulvio Ervas nel libro "Se ti abbraccio non aver paura", edito da Marcos y Marcos. Gli attori del film di Gabriele Salvatores sono Claudio Santamaria, nel ruolo di Willi, e Giulio Pranno, nel ruolo di Vincent. Fanno parte del cast anche Diego Abatantuono (Mario Toppoli) e Valeria Golino (Elena Manzato). Nel film, a differenza del libro e della storia vera, il viaggio è nei Balcani.

La storia vera a cui è ispirato il film e il libro

La storia vera che intreccia la vita di Franco e Andrea e della madre è tutta raccontata nel libro "Se ti abbraccio non aver paura". Andrea è un bambino autistico, la diagnosi è arrivata quando aveva 3 anni. Dopo un momento di difficoltà, in cui i genitori non sapevano come affrontare la situazione, hanno reagito dando la possibilità ad Andrea di diventare sempre più autonomo. Il viaggio di Franco e Andrea è solo una delle esperienze vissute insieme. A differenza di quanto si vede nel film, il viaggio è stato pienamente organizzato dal padre e dal figlio per affrontare una nuova esperienza insieme. Il libro è uscito nel 2012 ed è stato libro dell'anno per Fahrenheit Rai Radio 3, vincitore del Premio Anima 2012 e del Premio Viadana (Giuria Giovani) 2013. Padre e figlio hanno tagliato l'America in moto, arrivandosi a perdere nelle foreste del Guatemala. A "Oggi è un altro giorno", Franco ha spiegato: "La rabbia è vedere le persone che trattano loro come persone diverse. Lui è stimolato tutti i giorni da noi. Noi ogni giorno cerchiamo di fare un passo avanti, ma bisogna lavorare tutti i giorni perché con questi ragazzi ci vuole tanta attenzione". 

Cosa fa oggi Andrea Antonello interpretato da Giulio Pranno

Oggi Andrea Antonello ha 28 anni ed è arrivato a vivere anche da solo, sebbene di fronte casa dei genitori, in una casa video controllata. Il fine ultimo è arrivare all'autonomia massima. Lavora in un'associazione-fondazione per i ragazzi come lui insieme a suo padre. Ha pubblicato un libro, "La valigia Aran", che è una delle prime parole pronunciate quando aveva 8 anni. "Nelle frasi di Andrea si entrerà a capire come ci vedono questi ragazzi. Lui ci chiama terrestri, nel libro. Loro vedono cose in modo diverso, in modo completamente diverso. Su questo libro, noi vediamo cosa pensano i ragazzi", ha spiegato il padre. L'associazione-fondazione a cui lavorano insieme Andrea e Franco c'è "I bambini delle fate", un'impresa sociale fondata nel 2005 che aiuta le famiglie che hanno bambini che soffrono di autismo o con altre disabilità. Offrono sostegno economico ed organizzano attività locali.

Andrea e Franco
Andrea e Franco
Qual è il significato del finale di Tutto il mio folle amore, le possibili spiegazioni
Qual è il significato del finale di Tutto il mio folle amore, le possibili spiegazioni
La storia di Andrea e Stefania oltre le difficoltà, Luca Argentero: "Colpito da un amore così forte"
La storia di Andrea e Stefania oltre le difficoltà, Luca Argentero: "Colpito da un amore così forte"
La storia vera di Doc, il dottor Pierdante Piccioni ha ispirato la fiction Rai
La storia vera di Doc, il dottor Pierdante Piccioni ha ispirato la fiction Rai
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni