Genitori di Yara Gambirasio

Se Mattino 5 si occupa del caso di Yara Gambirasio, concentrandosi soprattutto sugli aspetti legati all’omicidio della ragazzina, la trasmissione Matrix si è concentrata sul dolore di Brembate, la cittadina che ha dato i natali alla quindicenne uccisa. I genitori di Yara, affidandosi alla voce del sindaco del paese, hanno espresso il loro desiderio di giustizia rispetto a quanto accaduto alla loro bambina.

Alle telecamere del programma di Alessio Vinci, Diego Locatelli ha detto: “Quell'animale, quella bestia deve essere punita. La famiglia non si aspetta vendetta ma la giustizia, quella sì. Siamo pronti ad accettare qualsiasi esito delle indagini: anche la possibilità che ci sia un mostro di Brembate Sopra. E quel mostro, quella bestia, quell'animale, va preso assolutamente”. Nel frattempo, le indagini proseguono nel tentativo d’individuare nuovi elementi che possano aiutare a risolvere il mistero. I vestiti non tagliati di Yara rappresentano l’ultima novità sul caso e sembrerebbero scongiurare l’ipotesi della violenza sessuale sulla Gambirasio.

Matrix, per tutta la durata della speciale dedicato alla ragazzina, si è soffermato più di una volta nel tentativo di rimettere insieme i pezzi di questo cruento fatto di cronaca, lo stesso che sta tenendo gli italiani col fiato sospeso. L’autopsia a Yara sta tentando di trovare il maggior numero di risposte mentre il dolore della famiglia, che ha scelto di tenersi alla larga dalle telecamere, diventa il dolore dei cittadini proprio perché vissuto in maniera straziante e composta.

I genitori di Yara chiedono giustizia e, come già accaduto nel caso di Sarah Scazzi, sono proprio le trasmissioni tv a scendere in campo nel tentativo di creare sempre maggiore pressione intorno alla vicenda, nella speranza che il responsabile di una tale barbarie venga finalmente braccato.