Dalla pagina Facebook di Checco Zalone, qualche giorno fa, è arrivato il commosso addio dell'attore e comico a Mirko Toller, il giovanissimo trentino che era stato al suo fianco in alcuni spot per la raccolta fondi dell’associazione Famiglie Sma. Mirko è morto a soli 17 anni e la convivenza con l'atrofia muscolare spinale non aveva fermato la sua gioia di vivere e la sua energia, tanto che oltre alla campagna pubblicitaria dedicata alla lotta contro questa  malattia neurodegenerativa era anche uno youtuber, con il sogno di diventare influencer. A Repubblica, ha parlato in un'intervista la madre Stella Robert.

Il sorriso di Mirko

Insieme al marito Fabio e alle loro figlie Serena e Linda, che con il fratello curava il canale YouTube "Mirko e Linda show", la mamma di Mirko Toller continua a lottare per la ricerca sulla Sma: "All’orizzonte vedo ancora il sorriso di mio figlio. Quella è la strada da seguire". Il ragazzo ha lasciato loro "Il suo dono più grande: la capacità di sorridere. Non si è mai arreso. Sorrideva alla vita e così dava forza e coraggio anche a noi". Riguardo alla sua malattia, Mirko "Sperava sempre in qualcosa di diverso ma non si arrabbiava se non arrivava. Era il suo spirito, diceva che con la Sma si può fare tutto". Risale a settembre l'ultimo video pubblicato su YouTube.

Lui voleva fare l’influencer, anche per questo aveva aperto un canale Youtube insieme alla sorella Linda. Il Mirko e Linda show ha avuto migliaia di visualizzazioni. Erano pronti a trasmetterne altri. Gli volevano bene tutti. Una volta una bambina gli chiese il motivo della carrozzina, lui rispose che era scivolato su una buccia di banana. Rise insieme a loro.

Il sogno di Mirko, un parco per bambini disabili

La signora Stella ha inoltre spiegato qual era il più grande sogno di suo figlio, una bellissima opportunità per bambini e ragazzi alle prese con disabilità: "Sognava di fare un parco divertimenti per bambini disabili. Si era iscritto all’istituto tecnico industriale proprio per questo. Ci piacerebbe che qualcuno raccogliesse questo desiderio. Quando andava a Gardaland o in altri parchi riusciva a salire solo sul trenino e sulla ruota panoramica. Gli sarebbero piaciute anche le altre giostre e le montagne russe, ma per chi come lui si muove su una carrozzina elettrica non è facile".

Il saluto di Checco Zalone

"Ciao grande Mirko. Se puoi, da lassù, continua a mandarci il tuo sorriso, perché ne abbiamo ancora bisogno”, è stato il saluto social di Checco Zalone, che non aveva mai scordato l'esperienza con Mirko e in più occasioni era apparso al suo fianco come testimonia. Grandissimo il cordoglio social per il ragazzo, ricordato dalle associazioni e dai gruppi che lottano per sensibilizzare il pubblico sul tema della Sma. E Zalone non è l'unico volto dello spettacolo ad aver conosciuto la forza di Mirko:

Stiamo scoprendo in questi giorni che, in segreto, aveva tanti contatti con personaggi famosi. Ci arrivano messaggi da tutta Italia. Tutti apprezzano la sua generosità. Aiutava tutti senza chiedere mai nulla in cambio. Nella vita non bisogna chiedere ma dare, ripeteva.