Juan Darthés, l’attore 54enne accusato di violenza sessuale da Thelma Fardin, si difende. L’uomo, investito da polemiche arrivate da ogni parte del mondo, si è visto costretto a diramare una breve comunicazione via Twitter per far fronte alle accuse che gli sono piovute addosso. La Fardin, 16enne all’epoca delle riprese della serie tv per bambini Il mondo di Patty, lo ha accusato di violenza sessuale. Bersagliato dai media e dal pubblico, l’interprete argentino ha negato ogni accusa: “Non è vero ciò che è stato detto, per l'amor di Dio! È pazzesco, non è mai successo. Vi prego di attendere i tempi della giustizia”. Decine sono i messaggi di incoraggiamento di chi lo sostiene, credendo che quanto denunciano le giovani attrici non corrisponda al vero.

Ad accusarlo altre tre attrici

Oltre a Thelma Fardin, hanno accusato  Darthés altre tre giovani attrici. La prima a parlare degli abusi sessuali presumibilmente subiti è stata, nel 2017, Calu Rivero. L’attrice lo ha accusato, senza mai sporgere denuncia penale, per fatti che sarebbero accaduti sul set della telenovela Dulce Amor nel 2012. Ha raccontato che Darthés era solito uscire dal copione, accentuando baci e contatti fisici, benché gli fosse stato chiesto a più riprese di smetterla. Quegli atteggiamenti convinsero la Rivero a lasciare la serie, nonostante lo straordinario successo.

Le denunce di Anita Coacci e Natalia Juncos

Anche le attrici Anita Coacci e Natalia Juncos lo avevano già denunciato. La prima  riferì un episodio presumibilmente accaduto nel 1998, quando aveva 20 anni. Darthés l’avrebbe spinta contro un muro e baciata contro la sua volontà, per poi farle toccare il suo pene in erezione. Il tentato stupro sarebbe stato interrotto dall’arrivo di alcune persone. La Juncos, invece, raccontò che l’attore le avrebbe proposto dal nulla di trascorrere la notte insieme, mostrandole inequivocabili segnali della sua eccitazione. Dopo quell’episodio, avrebbe abbandonato la sua carriera di attrice.