Il coronavirus sembra davvero non risparmiare nessuno: è risultata positiva al Covid-19 anche l'attrice svedese Inger Nilsson, 61 anni, nota in tutto il mondo per aver interpretato il ruolo di Pippi Calzelunghe tra il 1969 e il 1970. La scoperta è stata una vera odissea per lei: avrebbe dovuto partecipare a Domenica Live nella puntata del 25 ottobre, ma una volta giunta dalla Svezia all'aeroporto di Francoforte, è stata sottoposta al tampone, che è risultato positivo. A quel punto, la Nilsson è stata rimpatriata in Svezia.

Come sta Inger Nilsson

Fortunatamente l'attrice sta bene ed è comunque apparsa nel programma di Barbara D'Urso, in collegamento dalla sua abitazione. “Sono arrossata, sono un po’ stanca, mi sono presa veramente il coronavirus, sono un po' sottosopra, è come una brutta influenza”, ha spiegato l’attrice, che poi ha svelato un particolare sulla sua esperienza a Pippi Calzelunghe: "Ho deciso che non canterò mai più la sigla della serie!". Barbara D'Urso ha assicurato che, non appena si sarà negativizzata, la Nilsson apparirà senz'altro a Domenica Live per raccontare la sua esperienza nei panni della celebre bimba dalle trecce arancioni, che girò quando aveva solo 8 anni.

 

Chi è Inger Nilsson, la carriera

Karin Inger Monica Nilsson, questo il suo nome completo, è nata nel pasino di Kisa il 4 maggio 1959 ed è diventata famosa per il ruolo di Pippi Calzelunghe (Pippi Långstrump in lingua originale) nell'omonima serie televisiva tratta dal romanzo di Astrid Lindgren, uscita nel 1969. Ha interpretato Pippi anche nei film tv Pippi Calzelunghe e i pirati di Taka-tuka e Quella strega di Pippi Calzelunghe l'anno dopo. In Italia, i 13 episodi e i due film sono stati trasmessi come un'unica serie di 21 puntate. Dopo il successo da enfant prodige, però, la carriera della Nilsson non è decollata e per molti anni ha lavorato in piccole produzioni teatrali e poi come segretaria medica. Nel 2000 ha però recitato nel film Gripsholm e ha successivamente partecipato ad alcune serie tv.