196 CONDIVISIONI
Temptation Island Vip 2019
10 Settembre 2019
02:09

Ciro Petrone come in un Truman Show, viola le regole ed è fuori da Temptation Island Vip

Con uno slalom olimpionico tra i cameramen che tentano di fermarlo, Ciro Petrone scappa dal villaggio ed esce di scena col botto da Temptation Island Vip, infrangendo il regolamento e i confini della finzione scenica che lo separa da Federica Caputo. Sceglie la realtà, ma lei non la prende benissimo, vanificando la sua epica impresa, destinata a diventare oggetto di migliaia di meme.
A cura di Andrea Parrella
196 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Temptation Island Vip 2019

Se non altro, Ciro Petrone resterà nella storia di Temptation Island. Il suo slalom tra cameramen e responsabili di produzione per raggiungere Federica Caputo, la compagna dalla quale si era separato da soli due giorni per vivere tre settimane a distanza e mettere alla prova il proprio amore, è uno di quei momenti da ricordare, destinati ad essere materiale per i meme dei prossimi secoli.

Cronaca di una fuga

Il cinema ci viene metaforicamente in soccorso con un parallelo calzante. Come il protagonista di The Truman Show, il capolavoro interpretato da Jim Carrey, che quando comprende di essere stato sin dalla nascita protagonista di uno show televisivo decide di scappare dagli studi in cui è cresciuto in cattività, l'attore napoletano non resiste allo scoglio che lo divideva dalla sua compagna, specie dopo aver visto alcuni video che hanno minato le sue certezze e aver chiesto un falò di confronto rifiutato da Federica Caputo.

Preso da un raptus improvviso, Petrone inizia a percorrere l'intera spiaggia di corsa, i compagni di villaggio lo guardano increduli. Sale su uno scoglio, quello che separa idealmente il villaggio degli uomini da quello delle donne, e come nel finale classico di un film romantico, inizia a gridare il nome dell'amata. Così facendo viola lo spazio di finzione delimitato dalla realtà televisiva, rompe le barriere dell'irrealtà per tornare al vero.

Non è finita qui, perché comprendendo che non sarà lei ad andare verso di lui, Petrone si getta in mare, rischiando un serio infortunio da lungo stop, per poi iniziare intraprendere una rodomontesca corsa verso il villaggio delle donne. Percorso non privo di ostacoli, gli incaricati dalla produzione appunto, che fanno di tutto per fermarlo e interrompere la sua giostra, fallendo miseramente e partecipando involontariamente a un momento grotteschi, con slalom e comiche cadute, come gli scagnozzi dei cattivi nei film, che una volta buttati giù dal protagonista non si rialzano, ma si fermano a guardarlo andare via.

L'espulsione e la ramanzina di Alessia Marcuzzi

Il finale, però, non vede il gesto eroico coincidere con un allineato riscontro sentimentale. Viene anzi disprezzato dall'amata: "Questa non è la dimostrazione che dicevi di volermi dare", gli dice, mentre le lacrime rigano il suo viso. Interviene anche il deus ex machina, Alessia Marcuzzi, forse destatasi da una pennica pomeridiana tra un falò e l'altro, che prova a fargli capire come il suo sia stato un gesto avventato, che costerà alla coppia l'uscita dal programma:

"Hai trasgredito le regole. Hai oltrepassato il limite del villaggio, dovrete vedervela fuori e risolvere fuori le motivazioni per cui eravate venuti".

Lui lo sa, ne è consapevole, ma dice che non ce la faceva più a stare lontano da lei. Dentro di sé non sa ancora di essersi consegnato, in piccola parte, alla storia della televisione. Avrà tempo per capirlo.

196 CONDIVISIONI
213 contenuti su questa storia
Serena Enardu: “Sono di malumore, è un periodo particolare. Ho in testa mille pensieri”
Serena Enardu: “Sono di malumore, è un periodo particolare. Ho in testa mille pensieri”
Nathaly Caldonazzo beccata con Riccardo Colucci, single di Temptation Island Vip
Nathaly Caldonazzo beccata con Riccardo Colucci, single di Temptation Island Vip
Serena Enardu: “Io bullizzata mentre soffro e fa un male folle, ingiusto l’accanimento di massa”
Serena Enardu: “Io bullizzata mentre soffro e fa un male folle, ingiusto l’accanimento di massa”
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni