"In questo posto succedono cose strane". È l'incipit del trailer di una delle serie Netflix più attese tra le uscite di giugno 2020. Parliamo di "Curon", la nuova serie originale italiana della piattaforma on demand, prodotta da Indiana Production e disponibile dal 10 giugno in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo. Sette episodi diretti da Fabio Mollo e Lyda Patitucci, la cui scrittura è affidata a Ezio Abbate, Ivano Fachin, Giovanni Galassi e Tommaso Matano. È una serie molto ambiziosa, che prova a rilanciare l'horror italiano (ufficialmente la serie si considera un supernatural drama) mischiando mistero, leggenda e realtà. Sullo sfondo, si muove la suggestiva Curon Venosta, il paesino in cui l'incredibile campanile al centro di tutta la narrazione, si erge dalle acque azzurre del Lago Resia.

Curon rilancia Federico Russo dopo I Cesaroni

Tra i protagonisti della serie non può passare inosservato un personaggio che ha rappresentato per tanti della sua generazione, e non solo, un riferimento a cadenza settimanale. Parliamo di Federico Russo al suo primo vero ruolo distintivo dopo quello del piccolo Mimmo de "I Cesaroni". In "Curon", Federico Russo è Mauro, protagonista insieme a Margherita Morchio (Daria) e Valeria Bilello (Anna).

La trama di Curon

Tornata a Curon, sua città natale, insieme ai suoi gemelli adolescenti, Mauro e Daria, Anna sparisce misteriosamente. Da quel momento, i due ragazzi rimasti inizieranno un percorso difficile tra misteri e tensione, un viaggio che li porterà a svelare i segreti dietro l'apparente tranquillità della cittadina. Scopriranno quindi che si può scappare dal proprio passato ma non da se stessi. Nel cast, oltre ai tre protagonisti, anche Luca Lionello (Thomas), Anna Ferzetti (Klara), Alessandro Tedeschi (Albert), Juju Di Domenico (Miki), Giulio Brizzi (Giulio), Max Malatesta (Ober) e Luca Castellano (Lukas).