Andrea Bocelli è stato protagonista di un evento unico al mondo, nella serata di oggi, 12 aprile, domenica di Pasqua, il tenore in diretta streaming mondiale si è esibito in un concerto all'interno del Duomo di Milano completamente vuoto. L'iniziativa, proposta dal sindaco del capoluogo lombardo, Beppe Sala, è stata accolta di buon grado da Bocelli che ha sottolineato l'importanza della musica e del sentimento di comunità che deve unire tutti gli italiani, anche se a distanza gli uni dagli altri.

I brani cantanti da Andrea Bocelli durante il concerto

Un evento senza dubbio suggestivo che non ha mai avuto precedenti nella storia. Il Duomo di Milano vuoto nella sua maestosità riempito solo da una delle più grandi voci della musica italiana, intenta a recitare attraverso il canto una preghiera in musica, per esorcizzare la paura e la tensione accumulata in queste settimane di emergenza sanitaria. Il concerto è stato trasmesso sul canale ufficiale Youtube del tenore, in modo che in tutto il mondo potessero seguire questa scaletta religiosa. Il primo brano  eseguito dal tenore è stato "Panis angelicus" di César Franck,  seguito dall'"Ave Maria" di Bach/Gounod, il "Santa Maria" di Mascagni, il "Domine Deus" di Rossini estratto dalla Petite Messe e in conclusione  l' "Amazing Grace", inno cristiano di ringraziamento, concepito nel ‘700 e ispirato da una conversione. Per tutti i brani ad accompagnare il tenore, c'è stato Emanuele Vianelli, organista della cattedrale.

Le parole di Andrea Bocelli

Bocelli aveva dichiarato, qualche giorno prima del concerto, di aver accettato immediatamente la richiesta di Sala, soprattutto in una festività così importante e simbolica come la Pasqua: "Credo nella forza di pregare insieme, credo nella Pasqua cristiana, simbolo universale di una rinascita di cui tutti – credenti e non – abbiamo bisogno ora. Grazie alla musica, che coinvolgerà in streaming milioni di mani giunte in tutto il mondo, abbracceremo questo cuore pulsante del Mondo ferito, meravigliosa fucina internazionale che è orgoglio d’Italia".