La terza puntata del Grande Fratello Vip 5 è stata sotto la lente d'ingrandimento degli analisti della televisione. Dopo la squalifica di Fausto Leali, data per scontata con l'annuncio ufficiale della produzione dell'annullamento del televoto tra il cantante e Massimiliano Morra, gli ascolti tv restano poco convincenti: 3 milioni di spettatori netti per il 18.5% di share. Un risultato che è sì, il più alto tra i programmi in onda ieri, 21 settembre 2020, ma che sarebbe potuto essere molto più alto in assenza di concorrenza. Rai1, infatti, ha proposto per obbligo di servizio lo Speciale Elezioni con Bruno Vespa, che non è andato oltre il 7.3% di share.

Gli ascolti tv del Grande Fratello Vip

La terza puntata del Grande Fratello Vip 5, in onda il 21 settembre ha realizzato nel dettaglio 3.000.000 spettatori pari al 18.5% di share. La puntata d'esordio del GfVip 5, in onda il 14 settembre, ha raggiunto 2.833.000 spettatori per il 18.99% di share, diventando l'esordio più basso della sua storia. La seconda puntata ha realizzato 2.440.000 spettatori per il 14.77% di share.

Gli ascolti tv del 21 settembre 2020

Nella serata di ieri, oltre alla terza puntata del Grande Fratello Vip, c'era anche Boss in Incognito che ha interessato 2.008.000 spettatori netti per l'8.8% di share. Il terzo programma più visto è stato il film Colombiana, in onda su Italia1, che ha conquistato 1.736.000 spettatori netti per il 7.9% di share. Su Rai1, lo Speciale Porta a Porta Elezioni 2020 ha interessato 1.214.000 spettatori pari al 7.3% di share.

Gli ascolti tv sulle altre reti

Sul Nove, il film Una Settimana da Dio ruba interesse e consensi: 676.000 spettatori netti per il 3% di share. Lo Speciale TgLa7 – Maratona Mentana è stato visto da 674.000 spettatori per il 3.7% di share. Quarta Repubblica, in onda su Rete4, è stato seguito da 642.000 spettatori netti per il 3.8% di share. La terza stagione di Gomorra, in onda su Tv8, è stata seguita da 631.000 spettatori netti per il 2.8% di share. Su Rai3 il Tg3 Speciale ha realizzato 518.000 spettatori pari ad uno share del 2.5%.