25 Novembre 2013
18:31

Il cane Brian dei Griffin era già morto varie volte (VIDEO)

La morte di Brian ha letteralmente shockato i fan della nota serie tv animata, ma andando a ritroso nelle puntate si arriva a scoprire che in realtà non era la prima volta che il cane parlante veniva ucciso. Sarebbero almeno tre le volte, dal 2011 al 2013, che il suo corpo avrebbe esalato l’ultimo respiro…
A cura di Eleonora D'Amore

La morte del cane Brian è stata un duro colpo per i fan della serie, che mai si sarebbero aspettati di non vederlo più in televisione. Una macchina l'ha investito e portato via per sempre dai seguaci della famiglia Griffin, rimasti orfani del fedele amico parlante. Facendo una ricerca sul web, però, è possibile notare che non era la prima volta che Brian veniva ucciso. Risale, infatti, al 2011 il primo tentativo di farlo fuori e precisamente quando il piccolo Stewie inizia a picchiarlo talmente tanto da lasciarlo steso sul pavimento, in stato comatoso.

 

Nel 2012, poi, è la sua stessa immaginazione a suggerirgli di essere stato brutalmente ucciso da un colpo di pistola, che stava per colpire il padrone Peter (la scena è contenuta nel video in apertura). Al 2013, invece, appartiene una morte molto più originale: durante la puntata "Roads to Vegas" dello scorso maggio, Brian e Stewie si trovano a dover affrontare i loro due accaniti cloni e, a causa di una serie di peripezie, decidono di farla finita buttandosi dal balcone di una costosa suite. Nel momento del lancio, solo il povero Brian si lascerà andare e rimarrà stecchito sull'asfalto tra le urla del "codardo" Stewie.

 
Morte choc nei Griffin, addio al cane Brian
Morte choc nei Griffin, addio al cane Brian
I Griffin dopo la morte di Brian prendono Vinny, un nuovo cane
I Griffin dopo la morte di Brian prendono Vinny, un nuovo cane
Il cane Brian dei Griffin rientra nella serie: tornerà in vita o sarà un fantasma?
Il cane Brian dei Griffin rientra nella serie: tornerà in vita o sarà un fantasma?
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni