Sebbene si tratti di un'edizione speciale e fuori dal comune, Sanremo 2021 ha già una polemica sul groppone. E ora Amadeus lo farà "un passo indietro" per risolvere il disagio di avere Ibrahimovic sul palco? La lite tra lo svedese e Romelu Lukaku durante il derby, passibile di provvedimento disciplinare qualora dalle ricostruzioni dovesse emergere un insulto razzista ai danni del calciatore belga (cosa che Ibrahimovic ha smentito categoricamente), si riversa direttamente sulla kermesse sanremese, di cui Ibrahimovic sarà presenza fissa per volere del direttore artistico.

Polemiche per Ibrahimovic a Sanremo

Da che la presenza del calciatore del Milan era stata accolta come un sicuro punto di forza di questa edizione, visto il personaggio e i margini di interazione con Fiorello, in queste ore il ruolo dell'attaccante del Milan a Sanremo è compromesso per ovvie ragioni di immagine e c'è addirittura chi chiede che Ibrahimovic non vada a Sanremo. L'imbarazzo in Rai è palpabile, palesata anche dal direttore di Rai1 Stefano Coletta, che nel corso della conferenza stampa del Cantante Mascherato si è sostanzialmente rifiutato di rispondere a domande in merito.

Un'opportunità perfetta per Amadeus

Una strategia per rimettere le cose a posto, tuttavia, c'è e passa dalla fede interista del direttore artistico Amadeus, nonché della sua spalla Fiorello. Un elemento che potrebbe favorire l'ipotesi di una pace tra i due attaccanti sancita proprio sul palco dell'Ariston. A quel punto il conduttore riuscirebbe nell'impresa di sminare un problema reputazionale per questa edizione del Festival, evitare ulteriori polemiche e legare ancora di più Sanremo e il calcio, fattori nazional popolari per eccellenza in Italia. Naturalmente si tratta solo di una suggestione e non ci sono indiscrezioni in proposito, oltre al fatto che questa supposizione prescinde da quello che deciderà la giustizia sportiva in merito al durissimo scontro tra Ibrahimovic e Lukaku avvenuto durante il derby di Coppa Italia.