"Gomorra – La Serie" è tornata con la quarta stagione, in onda ogni venerdì, in prima serata, su Sky Atlantic. Il prodotto seriale italiano di maggior successo a livello internazionale continua a proporre trame avvincenti, conservando le caratteristiche di un prodotto che si è distinto per la capacità di raccontare il male nelle sue mille sfumature, superando il modello di una narrazione manichea che separa buoni e cattivi.

Dopo la morte di Ciro Di Marzio nel finale della terza stagione, "Gomorra 4" sta trovando nuovi equilibri con i personaggi storici e con l'ingresso di nuovi volti che animano la serie. Genny Savastano ha deciso di uscire dal giro, garantendo stabilità nell'affidare a Patrizia il ruolo di capoclan a Secondigliano. Un ruolo non facile, soprattutto per lo scetticismo della famiglia Levante nei suoi confronti.

Nel quinto episodio, il primo dei due diretti da Marco d'Amore, la natura retrograda e patriarcale dei Levante, ai quali Savastano ha chiesto aiuto per difendere i suoi, si palesa nella sua forma massima con il colloquio tra Gerlando e la stessa Patrizia. Lo zio di Gennaro le riferisce di essere venuto a conoscenza dell'intimità che Patrizia ha con suo, figlio, facendole intendere con chiarezza che la famiglia non veda di buon occhio il rapporto. Un colloquio duro, che sembra aprire a future spaccature, vista l'espressione negli occhi di Patrizia che vede quanto detto da Gerlando come un affronto.

Anticipazioni Gomorra 4, quinto episodio

Nella quinta puntata, inoltre, accade un fatto destinato a creare agitazione tra i clan: il carico di cocaina che deve rifornire Secondigliano, Forcella e il dominio dei Capaccio viene sequestrato dalla polizia. di conseguenza la pace e l’accordo voluto da Genny e Patrizia rischia seriamente di saltare. Situazione che mette nuovamente alla prova la capoclan, alla quale spetterà il compito di chiarire cosa significa essere alla testa di un'organizzazione.

Anticipazioni Gomorra 4, sesto episodio

Nella sesta puntata Nicola, il braccio destro di Patrizia, percepisce distante il suo boss, avverte la sensazione di aver perso la sua fiducia. Per questa ragione si incarica di mettersi sulle tracce di chi li ha venduti
alla polizia, portando al sequestro del carico di cocaina mostrato nel quinto episodio. Operazione che non gli riuscirà con grande facilità. Quello che Nicola non sa, infatti, è che a seguire lui c'è un'altra persona intenzionata ad usarlo per mettere in discussione gli assetti di potere imposti da Genny e provocare una nuova faida per le strade di Napoli.