Paolo Brosio nella casa del GFVip continua a cadere in una serie di scivoloni senza fine. Prima la presunta bestemmia, poi le rivelazioni sui nuovi ingressi spoilerati ai concorrenti nella casa e gli Ave Maria urlati nel cuore della notte. Stavolta Brosio è finito vittima di uno scherzo organizzato da Dayane e Adua, ora Rosalinda, insieme ad alcuni concorrenti. Le due ragazze sono sempre più vicine, soprattutto dopo che la modella si è "dichiarata" all'amica confessandole di essere innamorata di lei. Sapendo di poter suscitare qualche reazione a caldo da Paolo Brosio, risaputo amante delle donne che nella casa è già stato soprannominato "lumacone" e "polipone", hanno organizzato uno scherzo. Chiudendosi dentro la stanza-lavatrice e fingendo un rapporto intimo con tanto di gemiti e rumori. E con la tendina non del tutto chiusa.

La reazione di Paolo Brosio allo scherzo di Dayane e Adua

"Stanno limonando?" chiede Zorzi. "Ma…ma…ma…", riesce soltanto a dire Paolo Brosio, in imbarazzo ma allo stesso tempo esaltato e curioso di capire che cosa stia succedendo nella lavatrice. Elisabetta Gregoraci è d'accordo con le due ragazze. Così, per la riuscita dello scherzo, invita Paolo ad avvicinarsi di più alla stanza, mostrandogli la tendina scostata che lascerebbe intravedere qualcosa. Brosio si agita: "Ma io se le vedo poi mi masturbo, meglio che non vedo". Parole che hanno fatto il giro di Twitter e che non sono state gradite dal pubblico e alcuni utenti hanno persino chiesto che Brosio venga squalificato. Paolo decide di andare lontano dalla stanza: "Meglio andare di là. che qui ci viene un'ansia pazzesca". Ma sentendo che stanno ricominciando: "Quel giochino lì più lo fai più è divertente". 

La presunta bestemmia e la squalifica sfiorata

Alle prese con la routine della stanza arancione, Paolo Brosio stava sistemando le sue cose, tra vestiti e pillole sul comodino. Rivolto ad Enoch, ha detto: "Che casino! Io la mattina devo prendere le pillole e non vedo un ca**o, butto giù di tutto. Un giorno o l'altro mi ritrovi verde come te ieri Dio bo**. Oh Enoch, te ieri eri da film americano!". I compagni di stanza hanno fatto finta di nulla, ma alla regia non è affatto scappata la frase incriminata. La presunta bestemmia poi, è stata perdonata durante la puntata da Alfonso Signorini, che si è limitato a chiedere a Paolo Brosio di evitare certi termini, tipici del gergo toscano. Pur capendo la sua buona intenzione, il conduttore gli ha ricordato: "Non nominare il nome di Dio invano".

Brosio ha rotto il patto di riservatezza

Per quanto riguarda le rivelazioni scappate di bocca, Paolo Brosio è stato punito dal Grande Fratello Vip con un provvedimento che lo ha mandato in nomination d'ufficio. Da regolamento, infatti, non poteva rivelare agli altri concorrenti dettagli sulle dinamiche del programma, come i nuovi ingressi o l'ipotesi che il reality possa durare fino a febbraio 2021. Nel corso della quindicesima puntata, Alfonso Signorini gli ha comunicato i provvedimenti presi nei suoi confronti e lo ha bacchettato anche per le frasi sui tamponi. Alfonso Signorini gli ha letto il comunicato del Grande Fratello Vip:

Come ben sapete, chi entra nella casa stringe con il Grande Fratello un patto di riservatezza e di lealtà. Non si può rivelare nulla riguardo al mondo esterno. Paolo Brosio, nonostante le ripetute raccomandazioni, tu in casa hai raccontato notizie e dato delle informazioni. Non importa se queste notizie e informazioni siano vere o false. Hanno violato questo patto di riservatezza. Per questo, il Grande Fratello ha deciso di metterti d'ufficio in nomination.