3 CONDIVISIONI

Finalmente “Si può fare”, mentre “Squadra Mobile” è già in calo

Il programma di Carlo Conti sale finalmente negli ascolti mentre la serie con Giorgio Tirabassi crolla per la prima volta. Seconda stagione a rischio?
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
3 CONDIVISIONI
Immagine

La terza puntata di "Si Può Fare", programma arrivato alla sua seconda edizione, finalmente porta Carlo Conti ai risultati in merito di ascolti televisivi a cui ha abituato la prima rete. Siamo a quota 4.305.000 telespettatori, per uno share del 17.19%. Un risultato che va a rappresentare un record per questa edizione, a cui corrisponde invece il picco più basso per il diretto concorrente, ovvero "Squadra Mobile", la serie spin-off di Distretto di Polizia in onda su Canale 5, che alla sua terza puntata si lascia seguire da 3.878.000 telespettatori, per uno share del 14.83%. È la prima volta che la serie con Giorgio Tirabassi non supera i 4 milioni di spettatori netti, un crollo che mette già in discussione la possibilità di una seconda stagione dopo i 16 episodi previsti quest'anno.

Sulle altre reti, non sbagliano mai gli appuntamenti di Rai Due con NCIS. La serie "Los Angeles" ha registrato un ascolto di 2.418.000 telespettatori e l'8.31% di share. Il primo episodio della serie "New Orleans" è stato invece visto da 2.051.000 telespettatori, per uno share del 7.68%. Stabile "Amore Criminale", visto nella presentazione da 985.000 telespettatori, share del 3.34% e nel programma da 1.736.000 telespettatori, share del 6.5%. "L'asilo dei papà" su Italia 1 registra ascolti per 1.655.000 telespettatori, per uno share del 6.13%. Su Rete 4, "Quinta Colonna" realizza 1.664.000 telespettatori, share del 7.62%.

3 CONDIVISIONI
La finale di "Si può fare" non riesce a imporsi su "Squadra Mobile"
La finale di "Si può fare" non riesce a imporsi su "Squadra Mobile"
La prima puntata di "Squadra Mobile" vince la gara degli ascolti
La prima puntata di "Squadra Mobile" vince la gara degli ascolti
Si può fare! - 2015
Si può fare! - 2015
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views