È la notte degli Emmy Awards 2020, i premi americani della televisione, quest'anno rivoluzionati dalla pandemia da coronavirus. Niente cerimonia ufficiale, niente red carpet: l'Academy of Television Arts & Sciences ha dovuto adeguarsi all'emergenza sanitaria (ancora molto grave negli Stati Uniti) con una assegnazione via streaming. Conduce Jimmy Kimmel, che consegna i premi a distanza, in collegamento con i candidati. Così, non ci sarà spazio per tutta la parte glam che solitamente impreziosisce premiazioni di questo tipo (anche se Entertainment Weekly e People cureranno il Red Carpet Live: At Home!). L'appuntamento è per la notte tra il 20 e il 21 settembre.

Come seguire gli Emmy 2020 in Italia

Gli Emmy vengono trasmessi in onda anche in Italia, anche se solo i veri nottambuli oseranno restare alzati per seguire la cerimonia, che parte all'1.45 di stanotte. La premiazione va in onda su Rai4 con il commento di Andrea Fornasiero e Carolina Di Domenico; ospite il fumettista Zerocalcare, che parlerà con ironia di serialità televisiva. La serata va in onda anche su raiplay e può essere recuperata in replica martedì 22 settembre, alle 23.40, sempre su Rai4.

La gaffe alla vigilia degli Emmy

I premi "minori", in realtà sono già stati assegnati 24 ore prima. Tra questi, si segnala la vittoria di Eddie Murphy, che finalmente ha conquistato il suo primo Emmy per l’apparizione al Saturday Night Life, e una gaffe che ha ricordato il clamoroso errore degli Oscar 2017 quando fu annunciato come miglior film "La La Land" anziché "Moonlight". È stato infatti proclamato Jason Bateman come vincitore del premio di Guest actor in una serie drammatica, quando in realtà aveva vinto Ron Cephas Jones per "This Is Us". L'errore è stato corretto poco dopo. Peraltro, per la prima volta si è segnalata una doppia vittoria di padre e figlia: anche Jasmine Cephas Jones ha vinto, per "#FreeRayshawn".

I candidati agli Emmy Awards 2020

Sono otto le serie che si contendono il premio come miglior drama: "Better Call Saul", "The Crown", "The Handmaid’s Tale", "Killing Eve", "The Mandalorian", "Ozark", "Stranger Things", "Succession". Aspirano invece al riconoscimento come miglior comedy "Curb Your Enthusiasm", "Dead To Me -Amiche per la morte", "The Good Place", "Insecure", "Il metodo Kominsky", "The Marvelous Mrs. Maisel", "Schitt’s Creek", "What We Do In The Shadows". Per la miglior miniserie concorrono "Little Fires Everywhere", "Mrs. America", "Unbelievable", "Unorthodox", "Watchmen" (qui tutte le nomination).