2 Settembre 2021
13:38

Due mister al prezzo di uno: dopo il “porca pu***na” Lino Banfi ci riprova con Roberto Mancini

Dopo la querelle relativa allo spot in cui Lino Banfi pronuncia l’iconica frase di Oronzo Canà: “Porca pu**na” che ha generato polemiche ovunque, arriva un nuovo spot targato TIM che all’attore pugliese affianca un testimonial d’eccezione. A telefono in una chiacchierata paradossale c’è, infatti, il commissario tecnico della Nazionale, Roberto Mancini.
A cura di Ilaria Costabile

Lo spot Tim che in queste ultime settimane ha visto protagonista Lino Banfi ha fatto chiacchierare e non poco. L'attore pugliese che nella pubblicità interpreta l'iconico "allenatore nel pallone" Oronzo Canà, è stato invischiato in alcune polemiche circa l'utilizzo di termini poco adatti, come lo storico "porca pu**ena" frase cult del suo personaggio. Dopo le critiche, quindi, sono arrivati i rinforzi e nei prossimi spot al suo fianco ci sarà un altro allenatore di un certo livello: il ct della nazionale Roberto Mancini.

Il nuovo spot con Roberto Mancini

Una scenetta paradossale quella che vede Mancini al telefono con Oronzo Canà, conversare su strategie di calcio e consigli imperdibili su tecniche di gioco che secondo l'allenatore pugliese, dovrebbero essere messe in atto dai giocatori in campo. Intanto, però, il Commissario Tecnico degli azzurri vorrebbe solamente godersi lo spettacolo e cerca di smorzare l'entusiasmo e la foga del suo collega. Uno spot che punta decisamente ad altro e che cerca di traghettare gli spettatori sui ricordi della recente vittoria degli Europei, in vista delle partite per le qualificazioni ai Mondiali 2022. Cambia, quindi, il tormentone che prima conteneva l'esclamazione  ‘porca pu**na', ieri andata regolarmente in onda nonostante le polemiche: l'accento è ora sulla parola "lapalissianamente".

Cosa è successo nel primo spot con Lino Banfi

La querelle attorno al primo spot con protagonista Lino Banfi nasce dopo una denuncia del MOIGE (Movimento Italiano Genitori) che ha ritenuto l'esclamazione inadatta ad un pubblico di minori e decisamente volgare: "In una TV già subissata da contenuti volgari e inadatti ai minori, non si sente davvero bisogno di un ulteriore dose di cattivo gusto e volgarità" è stato scritto su un comunicato. Sembrava, quindi, che la pubblicità fosse stata censurata dal momento che non è stato più mandato in onda lo spezzone in cui l'attore pugliese pronunciava la frase in questione. Da parte della Tim, poi, è arrivata una rettifica in cui si chiarisce che non c'è stato nessun provvedimento in merito e che, quindi, non è corretto parlare di censura.

Banfi: "Dopo porca puttena sono diventato il protettore della Nazionale, chiamatemi Lino di Mameli"
Banfi: "Dopo porca puttena sono diventato il protettore della Nazionale, chiamatemi Lino di Mameli"
"Lo spot di Lino Banfi con il suo "Porca putten*" è stato censurato", poi la rettifica
"Lo spot di Lino Banfi con il suo "Porca putten*" è stato censurato", poi la rettifica
La reazione di Lino Banfi alla tentata censura di "Porca puttena"
La reazione di Lino Banfi alla tentata censura di "Porca puttena"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni