Cristiano Malgioglio è stato il protagonista della consueta intervista faccia a faccia di Cartabianca, il talk di approfondimento politico e culturale condotto da Bianca Berlinguer e in onda ogni martedì su Rai3. È stata un'intervista sicuramente bizzarra, sia per il personaggio sia per il contesto alquanto insolito. Siamo abituati a vedere Cristiano Malgioglio nei salottini patinati e meno seriosi di quelli dei talk politici. Malgioglio, però, se la cava con il solito stile e il solito istrionico carisma.

L'intervista a Cristiano Malgioglio

Bianca Berlinguer gli chiede dell'esperienza del Grande Fratello Vip, lui risponde, si racconta con la solita verve e spiega che dopo il programma, è diventato un punto di riferimento per i più sfortunati: "Dopo il programma mi scrivono tanti malati terminali". Sulla politica, Malgioglio dimostra di non avere troppa dimestichezza quando la Berlinguer le chiede del possibile futuro segretario del Partito Democratico: "Martina chi?".

La cosa che mi ha commosso molto è che mi scrivono su Facebook dei malati terminali che avevano bisogno della mia compagnia durante il giorno (mentre andava in onda il GfVip, ndr) e ho delle lettere davvero commoventi.

Sulle nomination della politica, quando la Berlinguer le chiede chi manderebbe al televoto tra Renzi, Salvini, Di Maio, Berlusconi, Meloni e Martina, su quest'ultimo replica: “Martina chi?”,

Il sogno nel cassetto

Cristiano Malgioglio sogna di fare un film con Pedro Almodovar, un pensiero che ha ribadito già altre volte in precedenti interviste. Il regista di "Tutto su mia madre" è il suo riferimento nel mondo della settima arte. C'è spazio anche per parlare della sua fede cristiana e soprattutto della discriminazione nel mondo dello spettacolo. A suo dire c'è ancora molto da lavorare su questo punto, lui però non ha mai subito discriminazioni.