"Se fossi cane abbaia/se fossi gatto miao/se fosse tardi ciao". Ogni volta che Corrado Guzzanti rimette piede in tv, anche solo per pochi istanti, la cosa si rivela una piccola, grande epifania per tutti gli appassionati del comico e attore romano che da anni lo vorrebbero rivedere sul piccolo schermo con un programma tutto suo. Il 29 novembre Guzzanti farà un enorme regalo ai telespettatori, tornando in tv tra amici, ovvero a "La Tv delle Ragazze" su Rai3, con Serena Dandini, riproponendo uno dei suoi cavalli di battaglia, il poeta Brunello Robertetti, i cui versi in rima baciata, paradossali e privi di senso compiuto, appartengono ai ricordi nostalgici di chi si è formato a pane e Tv degli anni Novanta. L'annuncio arriva dalla pagina Facebook ufficiale di Guzzanti:

Corrado Guzzanti ritorna in tv a distanza di pochi mesi da un altro cameo a "Propaganda Live" su La7, quando aveva ripescato un altro personaggio memorabile, Padre Pizarro. Eppure il comico romano, che nelle prossime settimane sarà al cinema nel film di Rolando Ravello "La Prima Pietra", aveva fatto parlare di sé per un probabile ritorno stabile in tv, con un programma tutto suo, proprio a La7, dopo l'arrivo del nuovo direttore Andrea Salerno. Progetto a quanto pare tramontato.

Sono settimane, queste ultime, in cui le reminiscenze di una Rai d'annata la fanno da padrone. Dopo il ritorno proprio della Dandini a Rai3 con lo storico programma "La Tv delle ragazze", in questi giorni è giunta l'ufficialità del ritorno di Carlo Freccero alla direzione di Rai2, rete che aveva diretto dal 1996 al 2002, una stagione d'oro segnata da Daniele Luttazzi, Michele Santoro, Piero Chiambretti, ma anche la stessa coppia Dandini/Guzzanti, in grado di inanellare grandi successi come "Pippo Chennedy Show", in onda nel 1997, e "L'Ottavo Nano", nel 2000. Che sia un segnale? Intanto, godiamoci un Robertetti d'epoca: