La giornata dell'ufficialità per i nuovi direttori di rete in Rai è prevista per il 27 novembre, ma quando mancano meno di 24 ore alla riunione del Consiglio di Amministrazione Rai che voterà le proposte, la conferma del ritorno di Carlo Freccero alla direzione di Rai2 arriva dal direttore uscente Andrea Fabiano, che lascia l'incarico dopo un biennio decisamente fortunato alla guida della seconda rete del servizio pubblico.

È proprio Fabiano, con un tweet pubblicato nel pomeriggio, a ringraziare gli spettatori e i collaboratori, congedarsi dal suo incarico e dare il benvenuto a Freccero. Un benvenuto che è più che altro un bentornato, viso che Carlo Freccero aveva già diretto la rete dal 1996 al 2002, ricordata come una delle stagioni più  prospere della seconda rete: "Grazie alla grande squadra di #Rai2, ai suoi artisti e giornalisti, ai colleghi dei programmi e delle altre strutture e Direzioni Rai, alle società di produzione nostre partner e a voi che avete criticato o apprezzato il mio lavoro. E bentornato a casa al Maestro Carlo Freccero!".

Andrea Fabiano, il più giovane direttore di rete nella storia della Rai

Andrea Fabiano è a suo modo un uomo dei record in Rai. Nel 2015 diventa vice-direttore di Rai1, per poi assumere l'incarico di direttore nell'anno successivo, aggiudicandosi il primato di più giovane direttore della prima rete di sempre. Dopo un anno e mezzo passa a Rai2, anche qui come il più giovane direttore di sempre, prendendo il posto di Ilaria Dallatana e proseguendo nel percorso di rinnovamento della rete, con una particolare attenzione ai nuovi format e alla serialità televisiva.

Nomine Rai, chi sono i nuovi direttori di rete

Il ritorno di Carlo Freccero a Rai2 coincide con le nuove nomine, che con tutta probabilità verranno ratificate dal cda nelle prossime ore. Salvo complicazione, Teresa De Santis prenderà il posto di Angelo Teodoli alla direzione di Rai1, Stefano Coletta verrà confermato a Rai3, Auro Bulbarelli a RaiSport e Antonio Preziosi a Rai Parlamento.