Aggiornamento 26 novembre – Sono stati regolarmente inviati ai consiglieri di amministrazione i curricula dei candidati alla direzione delle reti Rai. Teresa De Santis per Rai1, Carlo Freccero per Rai2, Stefano Coletta per Rai3, Auro Bulbarelli a RaiSport, Antonio Preziosi a Rai Parlamento. La riunione del consiglio di amministrazione per votare i nomi si terrà martedì 27 novembre, alle ore 16.

Sembra ormai fatta, dopo mesi di ipotesi, dissidi politici e tutto il tam tam mediatico che contraddistingue l'azienda di servizio pubblico dopo l'instaurarsi di un nuovo governo, pare si sia giunti a un momento di svolta per le poltrone dei direttori di rete Rai. Sciolto settimane fa il nodo dei direttori delle testate giornalistiche, in queste ore i nomi di Teresa De Santis per Rai1, Carlo Freccero per Rai2 e Stefano Coletta per Rai3 hanno fatto un balzo in avanti e sembrano destinati alla conferma da parte del Cda.

La riunione del cda martedì 27 novembre

Il condizionale è d'obbligo, perché sarà proprio il consiglio di amministrazione dell'azienda a dover mettere un punto definitivo sulle nomine delle tre reti principali, con l'aggiunta delle scelte per Raisport, dove sembra favorito Maurizio Losa e RaiParlamento, con Antonio Preziosi in pole position. La seduta è prevista per martedì 27 novembre alle 16 e al momento, stando a quanto riportato dal Corriere della Sera, sono stati già richiesti i curricula dei candidati, che dovranno essere consegnati all'amministratore delegato Fabrizio Salini 24 ore prima della riunione del consiglio di amministrazione.

Una donna a Rai1 per la prima volta, Freccero torna a Rai2

Pare si sia dunque giunti a un accordo politico che accontenterebbe soprattutto le parti politiche che compongo la maggioranza e le candidature non mancano di novità e grandi ritorni. Se infatti quella di Teresa De Santis sarebbe la prima volta di una donna alla guida di Rai1 (tramontata l'ipotesi di Casimiro Lieto, autore fedele alla Isoardi), sarebbe un grande ritorno di Carlo Freccero alla guida di Rai2 dopo più di vent'anni. L'ex consigliere d'amministrazione in quota M5s nella scorsa legislatura è stato fautore di una stagione memorabile della seconda rete del servizio pubblico, che a metà anni Novanta subì una svolta importante dal punto di vista del rinnovamento della proposta e del ringiovanimento della programmazione. Anni in cui Rai2 annoverava tra i suoi rappresentanti Corrado e Sabina Guzzanti, Daniele Luttazzi, Serena Dandini, Fabio Fazio, Gad Lerner, Piero Chiambretti e Michele Santoro. Essendo Freccero un pensionato Rai, il suo incarico potrebbe non prevedere alcun compenso. Per Rai3 invece ci sarebbe l'unica anomalia, se così la si vuole intendere, ovvero la conferma di Stefano Coletta, già direttore della terza rete negli ultimi due anni.