Negli ultimi giorni, in una sorta di seconda ondata del "MeToo", sembrano diffondersi in modo inquietante scandali sessuali con protagonisti personaggi del mondo dello spettacolo. Dopo il tweet di una ragazza che ha accusato l'attore di Colpa delle stelle Ansel Elgort di abusi e il clamoroso caso che ha visto protagonista la popstar Justin Bieber, ora a finire nella bufera è Cole Sprousel, insieme ad altri attori del cast di Riverdale. Anche in questo caso, la denuncia è arrivata dai social: omonimi profili Twitter hanno accusato Sprouse, Lili Reinhart, Vanessa Morgan e KJ Apa di abusi sessuali.

La denuncia su Twitter, poi il colpo di scena: "Falso"

L'accusa arriva da una serie di tweet apparsi sul profilo di un'utente che si fa chiamare Victoria: l'account è stato appositamente creato per scrivere questi messaggi e non contiene alcuna informazione sull'identità della supposta accusatrice, che sostiene di essere stata aggredita da Cole Sprouse nel 2013 a una festa della New York University: "Abbiamo flirtato per un po'. Poi mi ha spinto sul letto e mi ha messo le mani sotto la camicia e ha iniziato ad accarezzarmi il seno. Gli ho detto più volte di smettere, ma non mi ha ascoltato. A quel punto ero in lacrime, soffocata dall'odore dell'alcool del suo fiato. Continuavo a dire di no, ma lui mi ha slacciato i pantaloni. Dopo aver finito mi ha detto di andarmene". Altri account anonimi hanno preso di mira i tre colleghi di Sprouse ma l'intera vicenda è apparsa immediatamente come sospetta. A confermare l'idea che si tratti di semplice diffamazione è un altro tweet da un profilo denominato "Pleasedontbelievethem": "Le accuse sono false. La persona che le ha create è un fan di Riverdale che ha voluto provare come chiunque possa mentire su Internet". Insomma, dietro la bufera ci sarebbe una sorta di scherzo di cattivo gusto e decisamente pericoloso.

La reazione di Cole Sprouse

Immediata la reazione degli attori, che parlano di diffamazione e hanno deciso di ricorrere alle vie legali. Sprouse, che recentemente è finito al centro delle cronache anche per un arresto durante le manifestazioni dopo la morte di George Floyd, ha pubblicato un lungo messaggio su Twitter, ovviamente smentendo tutto:

Io e altri tre colleghi siamo stati falsamente accusati di offesa sessuale da account anonimi su Twitter. Prendo molto sul serio queste accuse e lavorerò con i team giusti per arrivare alla radice. Le accuse false creano un danno tremendo alle vere vittime di violenza. Inoltre, io non avrei mai cercato di mettere a tacere nessuno. Chiedo alle persone di esaminare bene le accuse, poiché i dettagli sono chiaramente falsi. Sembra essere l'ultimo di una serie di tentativi che cercano di rovinare i miei colleghi e me senza alcun fondamento.

Le parole di Lili Reinhart

Lili Reinhart, che peraltro è la ex fidanzata di Sprouse, ha ritwittato l'attore e aggiunto che "È stato dimostrato che questo account è stato creato appositamente per creare storie false su di me e sul mio cast. Non riesco a pensare a qualcosa di più contorto che mentire sull'aggressione sessuale. Inficia le azioni di uomini e donne abbastanza coraggiosi da farsi avanti per dire la verità. Questo tipo di menzogna può rovinare vite e carriere". L'attrice ha ribadito l'avvio di un'azione legale: "Questo tipo di comportamento malato non fa che danneggiare le vere vittime. Una cosa spaventosa per me, perché ho sempre sostenuto le vittime e ho creduto alle loro parole".