3.643 CONDIVISIONI
8 Aprile 2021
20:52

Claudio Amendola e il ddl Zan: “La mia è una generazione di maschi ignoranti”

Ospite del Maurizio Costanzo Show, l’attore ha parlato di uno dei temi più discussi di queste settimane, ovvero la legge contro l’omofobia il cui approdo al Senato continua a essere bloccato. Per Amendola è un problema di retaggio culturale: “C’è una cultura in questo paese molto profonda, che è la stessa cultura che parla delle donne, delle minoranze, che parla degli stranieri, e il comune denominatore è l’ignoranza atavica, che non è l’ignoranza di non aver studiato, ma è ignoranza atavica, dell’anima”.
A cura di Andrea Parrella
3.643 CONDIVISIONI

Da giorni, ormai, sono sempre più frequenti le esternazioni di personaggi del mondo dello spettacolo in favore del ddl Zan per una legge contro l'omofobia. Ad aggiunggersi ad una lunga lista di artisti, c'è anche Claudio Amendola, che ospite al Maurizio Costanzo Show, ha tenuto un discorso molto sentito sull'omofobia, sul sessismo e su quanto l'Italia continui a dimostrarsi un paese retrogrado su questi temi.

Claudio Amendola al Maurizio Costanzo Show

Parlando della questione, Amendola ha pronunciato parole forti alla platea, condannando il retaggio culturale maschilista e sessista dell'Italia. Riferendosi a quanto stava affermando in studio Tommaso Zorzi, l'attore ha detto:

Quello che stanno dicendo questi ragazzi giovani dovrebbe essere un insegnamento per quelli della mia generazione, educati da padri padroni, generazioni di maschi ignoranti. C'è una cultura in questo paese molto profonda, che è la stessa cultura che parla delle donne, delle minoranze, che parla degli stranieri, e il comune denominatore è l'ignoranza atavica, che non è l'ignoranza di non aver studiato, ma è ignoranza atavica, dell'anima. E li conosco quegli uomini, sono gente che frequentiamo, quella è gente che noi dobbiamo sputtanare, che non dobbiamo frequentare. E ragazze, lasciateli quegli uomini lì.

Ennesimo rinvio per il ddl Zan in Senato

Intanto la strada per l'approdo in Senato del ddl Zan continua ad essere costellata di ostacoli. Osteggiato e ostacolato da mesi il ddl contro l'omofobia e la misoginia ha subito un nuovo rinvio il 7 aprile, questa volta un passaggio formale. Andrea Ostellari ha applicato il regolamento in modo preciso: "Non c'è nessuna decisione sulla calendarizzazione" del ddl Zan. "In modo unanime l'ufficio di presidenza ha votato l'accorpamento di altri 4 ddl che riguardano la stessa materia del ddl Zan. È una questione di metodo, si sapeva già prima. Ora invieremo la richiesta alla presidente Casellati e vedremo i tempi", ha spiegato il leghista Ostellari lasciando l'ufficio di presidenza della commissione Giustizia, durante il quale M5S, Pd, Leu e Iv hanno chiesto di poter discutere la legge.

3.643 CONDIVISIONI
Fedez contro il Vaticano per il DDL Zan: “Perché i preti pedofili non vengono processati?”
Fedez contro il Vaticano per il DDL Zan: “Perché i preti pedofili non vengono processati?”
2.623 di Videonews
Anche Elodie contro il Vaticano per il Ddl Zan: "Per fortuna non mi hanno battezzata"
Anche Elodie contro il Vaticano per il Ddl Zan: "Per fortuna non mi hanno battezzata"
Confettini arcobaleno sulla torta: il dolce per il DDL Zan
Confettini arcobaleno sulla torta: il dolce per il DDL Zan
82 di Super Viral
L'oro di Jacobs fa il boom di ascolti, quasi 7 milioni davanti alla Tv
tv
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni