Antonio Zequila

Un nuovo personaggio, reso “famoso” dall’isola di Simona Ventura, ieri è apparso per la prima volta a Centovetrine.

Antonio Zequila, meglio conosciuto suo malgrado come “er mutanda”, si appresta ad interpretare il ruolo di Alfonso Gaddi di Montecocciolo, un noto esponente della nobiltà partenopea dedito ai piaceri della vita.
Sarà, proprio lui a svolgere la parte di mentore, nel percorso edonistico che gli autori hanno in serbo per il giovane rampollo della famiglia Castelli, di recente abbandonato dalla sua amata Paola (Claudia Alfonso) e per questo con il cuore a pezzi.

Secondo le anticipazioni di Centovetrine, pare che l’attore Zequila rimarrà per un periodo relativamente lungo nella soap (circa tre mesi) e il suo compito sarà quello di far emergere la metà oscura di un Niccolò Castelli (Raffaello Balzo) affascinato e intrigato dalla figura misteriosa del conte. A breve vedremo Niccolò perdersi nella lussuria al punto da diventare gigolò per una sera.

Così l’eredità di Cecilia, ormai lontana dalla via della perdizione grazie al suo angelo custode Ivan Bettini, passa nelle mani del bravo fratellino, ma con l’ausilio di Sir Alfonso Gaddy, che vagamente ricorda il celebre “Lord Henry Wotton” mentore del bello e aristocratico Dorian Grey.

Alfonso Gaddi di Montecocciolo e Niccolò Castelli

Ci avevano già provato gli sceneggiatori di Centovetrine a citare il romanzo di Oscar Wilde, quando Jacopo (cugino di Niccolò) aveva distrutto il suo ritratto dopo una serata a tre interrotta da una Paola titubante sulla sua relazione con Niccolò.

Che dire? Sarà stata Paola ad averli ispirati verso la citazione letteraria? Di sicuro è un bel colpo per l’attore Antonio Zequila assente dagli schermi dal 2006, dalla “famosa” lite con Pappalardo a Domenica In.

Photo Credits: Tv Blog