A C'è posta per te sono passate tantissime storie, ormai, buste che si sono aperte e altre che si sono chiuse, altre che hanno avuto evoluzioni positive, altre che, invece, non vedranno mai una soluzione. Ma chi guarda il programma di Maria De Filippi si trova sempre a fronteggiare situazioni variegate, molto diverse tra loro, talvolta in due storie consecutive o quasi, il racconto è assolutamente all'opposto. È successo anche durante l'ultima puntata del programma di Canale 5, in cui a pochi minuti di distanza gli spettatori hanno potuto vedere a confronto due storie differenti, ma che alcuni commentatori hanno subito legato. Quella di Salvatore e Federica e quella di Francesco e Marisa: amori che finiscono a causa di tradimenti e altri che resistono e continuano imperterriti, nonostante le difficoltò davanti a cui ci pone la vita.

La storia di Salvatore e Federica

Da una parte, c'è un uomo, Salvatore, che ha chiamato l'ex moglie Federica per tentare di avere l'ennesima possibilità di tornare assieme, dopo che per anni una relazione extraconiugale ha portato praticamente al tira e molla della relazione. Più volte Salvatore è andato via di casa, altrettante è stato riaccettato, fino a quando, qualche mese fa, Federica ha scelto di mettere fine a questa storia definitivamente, spiegando che, benché l'ex marito sia un buon padre, non è altrettanto un buon compagno e dichiarandosi felicemente separata. Gli spettatori di C'è posta per te non sono riusciti a non mettere a confronto la storia che è arrivata pochi minuti dopo, quando Marisa, a cui qualche anno fa è stata diagnosticata la sclerosi multipla, ha invitato il marito Francesco, uomo che le è stato sempre vicino, senza mai chiedere nulla in cambio.

Francesco e Marisa, malata di sclerosi

Marisa, affiancata da Giulia Michielini, ha raccontato di aver scoperto di essere malata dieci anni fa, quando Francesco era ancora il suo fidanzato e che poco dopo la rivelazione lui le ha chiesto di sposarla: "Quando 10 anni fa si è presentata questa malattia subdola, tu non hai pensato a te. Hai deciso di combattere schierandoti al mio fianco per sempre. Mi hai chiesto in sposa pochi mesi dopo la diagnosi. Mi hai salvata, protetta e amata oltre misura. La mia forza e fiducia nella vita sono merito tuo. Tu sei la mia vera stampella" ha scritto nella lettera indirizzata a lui. "Sono qui per dirti 1000 volte grazie per quello che fai per me ogni giorno" ha detto chiedendogli anche, però, di aprirsi e non tentare sempre di proteggerla: "Voglio che tu sappia che non sono solo la moglie da accudire, posso essere la compagna che c'è quando tu nei hai bisogno (…). Devi poter liberare il cuore da qualsiasi peso, mi dispero all'idea che tu non parli con me. Non so cos'ho fatto di buono per meritarmi un uomo come te" ha continuato. L'uomo ha aperto la busta, non prima di chiederle, però, di smettere di ringraziarlo, ha conosciuto Giulia Michielini che, assieme alla redazione, ha regalato alla coppia una gita in montagna, visto che Marisa non ha mai visto la neve.