Asia Argento ha festeggiato i suoi primi 45 anni concedendosi una serata da ospite a Live – Non è la d'Urso, dove è stata accolta insieme a sua figlia Anna Lou (protagonista della terza serie di Baby che abbiamo intervistato pochi giorni fa). L'attrice ha ripercorso la sua vita e la sua carriera, segnata negli ultimi anni da un presenzialismo nettamente al di sopra della media, dovuto soprattutto alla vicenda MeToo che l'ha vista vittima degli abusi di Harvey Weinstein.

Ma l'intervista da Barbara d'Urso è stata anche un'occasione per ripercorrere le sue movimentate vicende sentimentali. Tra i videomessaggi mandati in onda dalla conduttrice quello di Fabrizio Corona, con cui Asia Argento ha avuto un fugace flirt durato poche settimane e ingigantito dalle cronache rosa: "Ti faccio tantissimi auguri – ha detto Corona – In tante trasmissioni si è parlato di noi. Non abbiamo mai avuto una storia, ma un momento passionale. Siamo due fuori di testa. A parte le battute, la follia, riconosco in te un valore speciale. Nonostante le difficoltà, spero tu le possa superare e condividere con tua figlia gli attimi belli che arriveranno, mantenendo quel pizzico di follia e sensualità. Se un giorno, per caso, dovessimo rincontrarci, finirebbe come quel pomeriggio a casa tua. Niente di organizzato, o preparato. Tornerò a farti vedere le stelle". Sentita la reazione di Asia Argento: "Mi sono quasi commossa. Lui ha un figlio eccezionale… quel ragazzo è un genio. Non è il mio tipo".

Non solo Corona, inevitabile che ci fosse spazio anche per l'ex marito di Asia Argento, nonché padre di Anna Lou, Morgan, che in questi ultimi giorni ha parlato della sua volontà di lasciare l'Italia: "Minaccia di lasciare l'Italia? E' un peccato… come farà a trovare un lavoro all'estero. Ce ne faremo una ragione. Mi dispiace per le figlie. Mia figlia è grande, ha 19 anni. Non è il padre più presente al mondo. Non credo che lo farà. E' molto attaccato alla nostra cultura. E' l'unico Paese in cui se lo pigliano. E' un grandissimo artista. Diventare internazionale a 50 anni è un po' difficile".