Non sono immagini normali, quelle che potrete vedere su Rete4 il 23 marzo. Anche in Italia arriva Planeth Earth II, secondo episodio di uno dei documentari più acclamanti degli ultimi anni, realizzato dalla BBc e narrato, in lingua originale, da sir David Attenborough, personaggio che gode in patria di una fama eguale a quella che oggi accosteremmo a Piero Angela. Accompagnato dalle musiche di Oscar Hans Zimmer, si tratta di un documentario che guarda al pianeta Terra in senso globale, analizzandone tutti gli aspetti naturali che nel corso dei secoli ne hanno modellato l'aspetto e le caratteristiche. Il The Independent ha definito Planet Earth "Il più grande documentario sulla natura mai realizzato ed uno dei più apprezzabili prodotti che la BBC abbia mai trasmesso".

L'episodio che andrà in onda in tre puntate in prima serata a partire dal 23 marzo, si occuperà questa volta di isole, montagne, giungle, deserti, praterie e, per la prima volta, di città. La qualità delle immagini è sorprendente, ma non si tratta solo di questo. Guardando il trailer dello spettacolare prodotto della BBC, trasmesso da Discovery ma che ha suscitato anche l'interesse di Snapchat, si intuisce come ogni inquadratura sia studiata alla perfezione, niente di superfluo, tutto studiato e, guardando le immagini di un orso che si gratta la schiena col tronco di un albero vi capiterà di domandarvi come sia stato possibile realizzare quel tipo di inquadratura specifica ad una distanza infinitesimale dall'animale in questione.

La fatica spesa per la realizzazione del documentario si evince da alcuni numeri piuttosto esemplificativi. Girato in altissima definizione, "Planet Earth II" ha attraversato 40 paesi diversi compiendo 117 viaggi e occupando 2.089 giorni di riprese. Considerando la sola isola di Zavodovski, che si trova in Antartide, è stato necessario un anno di programmazione prima di iniziare girare e allo stesso tempo una troupe si è accampata più volte sul Delta dell’Okavango.

Il Bosco Verticale di Stefano Boeri a Milano.

Non manca l'Italia nello spettacolare documentario realizzato da BBC e in onda in chiaro, su Rete 4, per la prima volta. Nella parte dedicata agli spazi urbani sarà inclusa anche Milano, con un focus specifico su quello che è diventato un vero e proprio esempio di eco-sostenibilità in spazi urbani: il Bosco Verticale di Stefano Boeri.