"Gli sceneggiatori hanno dimostrato di non saper lavorare da soli, senza essere sorretti dalla struttura del libro". Questa la motivazione di una petizione che su Change.org ha già raggiunto più di 300mila firme. E la stagione finale di "Game of Thrones", che giungerà alla fine nella notte tra domenica 19 e lunedì 20 maggio, è così al centro del fuoco incrociato degli spettatori che non stanno apprezzando le ultime svolte narrative che David Benioff e D.B. Weiss stanno dando alla serie: "Stanno dimostrando di essere degli incompetenti, la serie merita un finale diverso". 

George R.R. Martin non apprezza

Si unisce al coro dei delusi anche George R.R. Martin, l'autore della saga che però è colpevole di non aver ancora terminato i libri. "Preferivo seguissero quello che ho scritto io", ha detto pur riconoscendo il fatto che adattare una serie da un'opera originale è certamente una sfida ardua. Intanto, è confermato che l'autore non ha ancora terminato i libri che chiuderanno la saga, "The Winds of Winter" e "A Dream of Spring": "No, The Winds of Winter e A Dream of Spring non sono terminati. Dream non è stato neppure iniziato, non inizierò a scrivere il settimo volume finché non avrò finito il sesto. Mi sembrerebbe assurdo iniziarlo. Il mondo è rotondo, la Terra ruota attorno al sole, l'acqua è bagnata. Devo dire altro? Mi infastidisce che la gente creda a queste storie, anche per un attimo. Non ha senso. Perché dovrei starmene per anni fermo con i libri pronti?". 

Tutti sceneggiatori con le serie degli altri

Ed è dal primo episodio della nuova stagione che viviamo in un clima ricco di valutazioni soggettive , riscoprendo anche nello spettatore più distratto, una passione per la critica feroce. Si evidenza la scollatura tra "quello che vuole il pubblico" e la coerenza narrativa, nel contempo la serie ci regala vette indiscutibili di grande cinema. E forse non ce ne stiamo accorgendo.

Le anticipazioni sul finale della serie

Aspettando la notte di domenica, continuano a fioccare anticipazioni e congetture sui forum. Soprattutto su Reddit, c'è un fiorire di opinioni e una raccolta di "sussurri", per citare il compianto Lord Varys, che appaiono diverse e contrastanti. Stando però alla maggioranza dei dati raccolti, uno dei canali più influenti è sicuro che nell'ultima puntata assisteremo a quanto state per leggere. Da qui in avanti, state in guardia, ci sono probabili spoiler.

Clima di tensione dopo un discorso delirante di Daenerys, in cui ancora una volta parla di liberazione della schiavitù, come abbiamo visto fare in passato nelle città di Essos e di Meeren. Successivamente tra Jon, Davos, Tyrion da un lato, Daenerys  e Verme Grigio dall'altro si arriverà a uno scontro. Tyrion, nel dettaglio, si strapperà la spilla di Primo Cavaliere rinfacciando alla Madre dei Draghi di avere ucciso migliaia di persone innocenti, così Tyrion guadagnerà un posto in prigione in attesa di giudizio. Proprio Tyrion cerca di convincere Jon di ribellarsi a Daenerys, che a causa del suo segreto potrebbe minacciare per sempre la famiglia Stark. In un teso faccia a faccia tra Jon e Daenerys, Stark si rende conto della follia di Daenerys e quando lei abbassa la guardia, la accoltella a morte nella sala del Trono di Spade, lasciandola lì. Arriva Drogon, distrutto per la morte di sua madre, brucia fino a fondere il Trono di Spade e fugge via con la salma di Daenerys. A questo punto, il Consiglio, composto da Sam Tarly, Bronn, Davos, Brienne di Tarth, Yara Greyjoy, Robin Arryn e Gendry Baratheon, dovrà decidere il nuovo sovrano e la punizione per Jon Snow, che è quella di riprendere il Nero e ricostruire i Guardiani della Notte. Una punizione che Verme Grigio accetta, questi lascerà Westeros con le sue truppe e i Dothraki per raggiungere le città libere. Il finale ci mostra Arya in partenza su una nave per Braavos, Sansa regnare su Grande Inverno e Jon incontrarsi di nuovo con Ghost e Tormund, andando verso Nord. E sul Trono di Spade? È andato distrutto, ma a regnare ci sarà comunque qualcuno: sarà Brandon Stark.