Sin dalle prime puntate di X Factor 12 si è avuta l'impressione che questa edizione non sarebbe stata uguale alle altre. Col passare delle settimane questa percezione si è rafforzata, fino a diventare una sorta di certezza, grazie a un artista che quest'anno sta riscrivendo, volente o nolente, le regole del format internazionale. Stiamo parlando di Marco Anastasio, in arte solo Anastasio, al secolo Nasta Mc, rapper di 21 anni, originario di Meta di Sorrento in provincia di Napoli, sul quale si sta concentrando l'attenzione del pubblico abituale di X Factor, ma anche di coloro che non appartengono alla bolla di pubblico abituale del programma, raggiunti ugualmente dai video delle sue esibizioni.

Per chi non avesse visto nemmeno una delle sue esibizioni, Anastasio si è fatto notare dai quattro giudici per le sue abilità de rapper e una capacità di scrittura che Fedez, dall'alto della sua quinta edizione da giudice del talent, ha riconosciuto come la penna migliore mai ascoltata a X Factor.

La dirompente capacità di scrittura di Anastasio

La particolarità che rende Anastasio un'anomalia di sistema, la scheggia impazzita di questa edizione di X Factor, è l'attitudine alla personalizzazione pressoché totale dei pezzi a lui assegnati sin dall'inizio di questa edizione. Una inclinazione che gli ha permesso di cimentarsi, senza tonfi, con alcuni grandi capolavori del cantautorato italiano, da "Generale" di Francesco De Gregori a "C'è tempo" di Fossati, passando per "Mio Fratello è figlio unico"di Rino Gaetano. Prove dalle quali è uscito a testa alta sfuggendo al rischio imitazione. Anastasio elabora testi ex novo adattati alla campionatura dei pezzi a lui assegnati, ottenendo un risultato forse mai raggiunto nella storia del programma, almeno quella italiana: ogni settimana dà vita a un inedito mutuato da un grande classico della canzone italiana. O internazionale, visto l'enorme successo ottenuto dalla sua rivisitazione di "Another Break in The Wall" dei Pink Floyd, per la gioia di una sovreccitata Mara Maionchi.

Le critiche di Manuel Agnelli

Un approccio autentico, nonché scaltro, quello del rapper campano, ai limiti col regolamento del programma, che non a caso ha generato le proteste di Manuel Agnelli. Il frontman degli Afterhours ha in effetti rimarcato, pur apprezzando molto le sue capacità, come il suo stile e la sua tecnica forzino i limiti delle leggi di un format che resta, al di là di tutto, un programma di cover. Le parole di Agnelli hanno dato vita a una polemica con Fedez e Mara Maionchi, che si sono detti in disaccordo con questa sua visione. Un diverbio che non ha determinato altro se non un accrescimento di attenzione sull'artista, seriamente candidato alla vittoria di X Factor.

La canzone per Maurizio Sarri

L'attitudine alla scrittura Anastasio l'aveva già dimostrata in passato, ben prima dei 18 anni, legando il suo nome ad un personaggio del mondo del calcio osannato in questi ultimi anni, in Italia e soprattutto a Napoli. Si tratta di Maurizio Sarri, per tre anni alla guida degli azzurri e attuale tecnico del Chelsea, al quale Nasta Mc aveva dedicato il pezzo dal titolo "Come Maurizio Sarri", nel quale sottolineava ed esaltava le caratteristiche umane che hanno reso Sarri un personaggio amatissimo dal tifo partenopeo, fuori dagli schemi, ostile ai conformismi, determinato. Dal successo della canzone era derivato anche un incontro tra il rapper e il mister, che per l'occasione gli aveva autografato simbolicamente una sigaretta, inevitabile orpello accostato alla figura di Sarri, fumatore incallito.

Le offese a Selvaggia Lucarelli del 2016, poi le scuse

Ma mentre cresce la curiosità di ascoltare il primo inedito presentato da Anastasio a X Factor, una questione spinosa rischia di comprometterne la reputazione. Scripta manent, d'altronde, e nelle scorse ore è saltato agli onori delle cronache un tweet datato 2016, pubblicato dall'account personale di Marco Anastasio, in cui rivolgendosi a Selvaggia Lucarelli il rapper digita parole non proprio encomiabili.

La notizia ha fatto subito il giro del web e la risposta di Anastasio non ha tardato ad arrivare tramite Instagram, con un video di scuse rivolto alla Lucarelli: "Volevo chiederle scusa, perché in effetti su internet si dicono tante cacate, senza pensarci. Sicuramente era fuori luogo, internet è un immondezzaio e non vorrei rimpinguarlo oltre. Scusami Selvaggia, di cuore".