53 CONDIVISIONI

Alessio Vinci, da Matrix all’Albania: “Per strada mi chiamano ‘See you soon'”

Alessio Vinci si racconta dopo la parentesi di Matrix in quel di Mediaset. Impegnato ora in un progetto con il lancio di un canale tv albanese, il noto conduttore della CNN italiana si è detto pronto a ricominciare, sorridendo anche di vecchie eredità come “Goodnight and see you soon”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
53 CONDIVISIONI
Immagine

Un distacco da Mediaset alquanto improvviso e ora nuovi progetti, il lancio di un canale televisivo in Albania e molto altro ancora. Alessio Vinci è pronto a rinascere e ha deciso di farlo anche lontano dall'Italia: "Non mi sono ritirato in campagna a coltivare patate. Sto lanciando un canale tv in Albania, Agon Channel (che aveva voluto anche Barbara d'Urso). Francesco Becchetti, imprenditore a capo della rete, mi ha chiamato per seguire la linea editoriale. Per le ultime elezioni ho fatto una diretta di 48 ore. L'obiettivo è crescere: in redazione rivedo l'entusiasmo un po' corsaro che c'era a Cnn International. Ho una carriera meravigliosa. E rifarei tutto".

Sulla chiusura della trasmissione Matrix, in onda con lui al timone per ben quattro anni nella seconda serata di Canale 5, Alessio Vinci non ha dubbi nel manifestare il suo rammarico e nel dare un consiglio a Luca Telese, che accoglierà il suo testimone:

Quando mi hanno comunicato la chiusura di "Matrix", un anno fa, avrei dovuto difenderlo di più. Dovevo dire pubblicamente che era uno sbaglio chiuderlo, specie in un anno politicamente così importante. Gli ascolti erano buoni: è stata una decisione incomprensibile. Ma che fosse un errore lo hanno capito anche a Mediaset visto che ora lo riaprono. […] Rifare qualcosa che ho già fatto non è mai un bene. Vorrei sperimentare qualcosa di diverso. Ma se a gennaio me lo avessero proposto, lo avrei fatto subito. Sono contento che riapra. A Luca do un consiglio: se devi ascoltare l'editore parla con Berlusconi. Gli altri ti daranno la loro versione di quello che pensa.

Il flop della Domenica Live condotta da Vinci per tre puntate pare non sia stato granché dovuto da conflitti interni con la rete, bensì da due intenti diversi:

Non sono stato censurato. Non sono né un pensionato né un esodato: ho avuto un ottimo accordo con l'azienda ed è stato un addio normale. Per la nuova stagione non ho ricevuto offerte dalla tv italiana ma nei momenti meno certi trovo carica. Ho accettato una sfida per me impossibile. La domenica non era nelle mie corde. Ma i presupposti erano diversi: si era parlato di fare una specie di "Matrix" in versione domenicale, avevo proposto il nome "Matrix D". Quando mi avevano offerto la conduzione avevano premesso che volevano qualcosa di diverso dalla domenica di Panicucci o d'Urso. Dopo tre settimane sono tornati all'usato sicuro.

La voglia di ridere è rimasta intatta, soprattutto su eredità del passato come la frase-tormentone "Thank you good night and see you soon": "Quella frase ha avuto un effetto che non avrei mai pensato. La gente per strada mi chiede: mi fai un see you soon? E ci sono quelli che mi chiamano direttamente così".

53 CONDIVISIONI
Alessio Vinci: "Il mio programma non è uguale a Che tempo che fa"
Alessio Vinci: "Il mio programma non è uguale a Che tempo che fa"
Oggi svela: "Alessio Vinci e Mediaset hanno divorziato"
Oggi svela: "Alessio Vinci e Mediaset hanno divorziato"
Anticipazioni Benvenuti a tavola 2, settima puntata: Paolo ospite di Alessio Vinci
Anticipazioni Benvenuti a tavola 2, settima puntata: Paolo ospite di Alessio Vinci
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni