Gli ultimi episodi de Il Commissario Montalbano non sono stati diretti da Alberto Sironi, regista della fortunata serie tv scomparso il 5 agosto a 79 anni. Le riprese avvenute tra Ragusa, Punta Secca e Scicli sono terminate il 27 luglio e hanno visto Luca Zingaretti, già attore protagonista della serie, ricoprire anche il ruolo di regista. Il passaggio del testimone, con Zingaretti nel ruolo di regista pro tempore, si era reso necessario a maggio per una “improvvisa indisposizione” di Alberto Sironi, cui era seguito un periodo di convalescenza. Zingaretti aveva assunto anche la carica di regista perché l’attore, più di chiunque altro, conosce quanto Sironi desidera sul set.

La morte di Alberto Sironi

Alberto Sironi è morto a 79 anni il 5 agosto 2019. Regista de Il Commissario Montalbano fin dalla fine degli anni Novanta, aveva scelto personalmente Luca Zingaretti perché recitasse nel ruolo del protagonista della fiction. L’ultima stagione della fiction è stata gravata da due lutti inaspettati e dolorosi. Meno di un mese prima della morte di Sironi, la troupe aveva dovuto dire addio ad Andrea Camilleri dalla cui penna è nato il personaggio che ha ispirato la fiction.

Sironi aveva scelto personalmente Zingaretti

Nel febbraio di quest’anno, Sironi aveva dichiarato di avere personalmente selezionato Luca Zingaretti per il ruolo del protagonista: “Provinai tre attori per quel ruolo, ma degli altri due non dirò mai il nome. Uno, molto bravo, non poté venire perché la moglie il giorno prima, litigando, gli aveva fatto un occhio nero. L'altro fece un provino davvero interessante. Ma Luca fu eccezionale, una roba speciale. Non si poteva dire di no. Non ho avuto dubbi anche se fisicamente era molto diverso dal Montalbano dei romanzi, che era più anziano, pieno di capelli ricci e con la barba. Tanto che Camilleri quando seppe che avevo scelto Zingaretti, mi disse: ‘Ma perché proprio pelato l'hai preso?'”.