14 Febbraio 2015
11:42

10 motivi per cui è valsa la pena vedere (e non) la quarta serata del Festival

Dalla vittoria di Giovanni Caccamo, all’eliminazione di Anna Tatangelo, Raf, Lara Fabian e Bigio e Mandelli. Dalle scarpe di Arisa e Chiara Galiazzo alla forza di Sammy Basso. Senza dimenticare la divertente performance di Virginia Raffaele e una platea che si sveglia solo per applaudire “Il Volo”. Ecco i 5 motivi per cui è valsa la pena assistere alla quarta puntata e i 5 momenti più criticati.
A cura di Daniela Seclì

La quarta serata del Festival di Sanremo ha visto l'incoronazione del vincitore delle Nuove Proposte. Ad aggiudicarsi la vittoria è stato Giovanni Caccamo. Sono stati, inoltre, eliminati quattro artisti tra i Big: Raf, Anna Tatangelo, Lara Fabian e Biggio e Mandelli. Sul palco tantissimi ospiti, da Virginia Raffaele a Gabriele Cirilli, da Sammy Basso a Giovanni Allevi. Ospite del Festival anche Antonio Conte, che ha raccontato brevemente che anche suo padre, come gran parte degli italiani, ha l'abitudine di dare consigli a partita finita:

"Mio padre è l'allenatore della partita finita. Quando la partita finisce mi dice: "Ma forse dovevi fare questo cambio". Ma è un grande confronto per me".

A poche ore dalla finale, vediamo insieme quali sono stati i punti di forza e gli aspetti più criticati della quarta puntata della kermesse canora.

I 5 motivi per cui è valsa la pena assistere alla quarta serata

  1. Conoscere il vincitore delle Nuove Proposte. Dopo aver seguito tre puntate, anche gli spettatori più appassionati hanno voglia di tirare le somme. Ad aggiudicarsi la vittoria tra i giovani è stato Giovanni Caccamo con il brano "Ritornerò da te". Il cantante si è anche portato a casa il Premio della Critica e il Premio Sala Stampa. Ha dedicato questo importante traguardo a suo padre.
  2. Arisa comica nata. La cantante ha la capacità di scatenare l'ilarità del pubblico con la sua spontaneità. Esilarante il momento in cui è entrata in studio convinta di non essere inquadrata. Carlo Conti le ha rivolto la parola e lei è rimasta immobile sul palco, sperando probabilmente che ciò la rendesse invisibile.
  3. Carlo Conti che si scusa per l'ennesima volta per la sua gaffe. Lo aveva fatto già durante la terza serata del Festival, poi lo ha rifatto in conferenza stampa e infine, si è scusato per la terza volta ieri in diretta. La sua colpa? Durante una delle sfide dirette tra le Nuove Proposte, aveva annunciato erroneamente che Rakele aveva superato il turno. Apprezzabile la sua umiltà.
  4. La forza di Sammy Basso. Il giovane affetto da progeria era presente in platea. Carlo Conti lo ha invitato a salire sul palco, dove – dimostrando di non prendersi troppo sul serio – ha indossato dei buffi occhiali verdi. Infine ha spiegato: "Trovo la positività in tutto ciò che mi è intorno, famiglia e amici. Auguro tante buone cose a tutti!".
  5. Virginia Raffaele che imita Ornella Vanoni. Che la Raffaele abbia un grandissimo talento è cosa risaputa. Ieri ne ha dato prova per l'ennesima volta, con la sua divertente imitazione della cantante. Per comprendere quanto possa essere stata accurata la sua performance, basti pensare che molti utenti su Twitter erano convinti che quella su Rai 1, fosse la vera Ornella Vanoni.

I 5 punti più criticati della quarta serata

  1. Le scarpe di Arisa e di Chiara Galiazzo. Arisa ha optato per delle scarpe che hanno scatenato l'ironia della rete. Le due sfere rosa posizionate sulla parte posteriore, infatti, hanno suscitato diversi commenti, tra chi le paragonava a delle palle da biliardo e chi, invece, faceva accostamenti decisamente più audaci. Anche le scarpe bicolore e stellate di Chiara Galiazzo, non sono passate inosservate.
  2. La galanteria ostentata di Nesli. Il cantante è arrivato sul palco con un look total red che già è bastato ad attrarre le frecciatine al vetriolo degli utenti. Nesli, poi, ha portato con sé un mazzo di fiori e ha iniziato a tessere le lodi di Arisa: "Sei una bravissima interprete e una rivelazione come presentatrice". Lodi che hanno fatto storcere il naso a molti spettatori. Se mosse da una stima sincera, infatti, potevano essere fatte anche in un luogo che non fosse a favor di telecamera.
  3. Troppa pubblicità. Dimenticate le pause di 90 secondi, che hanno caratterizzato le prime puntate del Festival. Le interruzioni pubblicitarie sembrano essere decisamente aumentate, a danno della fluidità dello spettacolo.
  4. Una platea poco reattiva e partecipe. Più volte, Carlo Conti ha dovuto incitare il pubblico a fare un applauso. È ormai apparso evidente a tutti coloro che hanno seguito le prime quattro puntate, che la platea sembra svegliarsi e scatenarsi, solo quando sul palco ci sono i ragazzi de "Il Volo". Per gli altri artisti e per gli ospiti l'accoglienza è spesso e volentieri tiepida. Anche se, ad onor del vero, il pubblico in sala del Festival non ha mai brillato per la verve.
  5. Gli eliminati. La puntata di ieri ha visto l'eliminazione di quattro canzoni. Sono stati eliminati i brani di: Biggio e Mandelli, Lara Fabian, Raf e Anna Tatangelo. Gli artisti hanno dovuto abbandonare la gara ad un passo dal traguardo e chiaramente i loro fan si sono riversati in rete per esprimere la loro disapprovazione. Alcuni nomi, come quello di Raf, hanno davvero colto di sorpresa. Non ci resta che attendere stasera, per conoscere il brano che sarà incoronato vincitore.
10 motivi per cui è valsa la pena vedere (e non) la seconda serata del Festival
10 motivi per cui è valsa la pena vedere (e non) la seconda serata del Festival
10 motivi per cui è valsa la pena vedere (e non) la prima serata del Festival
10 motivi per cui è valsa la pena vedere (e non) la prima serata del Festival
10 motivi per cui è valsa la pena vedere (e non) la terza serata del Festival
10 motivi per cui è valsa la pena vedere (e non) la terza serata del Festival
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni