Willy, il principe di Bel-Air‘ è senza ombra di dubbio una delle serie più amate degli anni '90. Una ricetta risultata vincente grazie alla verve dell'attore Will Smith e all'atmosfera di accoglienza, affetto e protezione che la famiglia Banks riusciva a trasmettere allo spettatore. Tra i personaggi più amati c'è quello di zia Vivian, sorella della madre di Will e sempre pronta a schierarsi dalla parte del nipote. A fare in modo che quel personaggio entrasse nel cuore degli spettatori ci ha pensato l'attrice Janet Hubert-Whitten. Dopo la terza stagione, però, è stata licenziata e sostituita dalla collega Daphne Maxwell Reid. Da quel momento tutto è cambiato. I contrasti tra l'attrice e Smith iniziati sul set, si sono acuiti dando luogo a uno sfogo che dura ormai da circa 30 anni.

Janet Hubert-Whitten sostituita da Daphne Maxwell Reid

Era il 1993 quando Janet Hubert-Whitten, dopo aver interpretato per tre stagioni il personaggio di Vivian Banks nella serie ‘Willy, il principe di Bel-Air‘, si vide costretta a lasciare il set. All'epoca, il giornale ‘Jet' raccolse le dichiarazioni dell'attrice che sostenne di essere stata vittima di una vendetta. Prima puntò il dito contro gli addetti ai lavori, poi accusò apertamente Will Smith:

"Probabilmente è responsabile del mio licenziamento. Ha molto potere. È un peccato vedere una lotta tra neri. Se intende parlare, spero che dica la verità. Prima mi ha fatto licenziare e ora sta tentando di stracciare la mia carriera. Tutti coloro che si sono imposti con il signor Smith sul set sono andati via. Lo rimproveravo spesso per essere maleducato con le persone e per la sua abitudine di rinchiudersi in camerino".

Janet Hubert – Whitten e Daphne Maxwell Reid
in foto: Janet Hubert – Whitten e Daphne Maxwell Reid

La versione di Will Smith

Contestualmente alle prime dichiarazioni di Janet Hubert-Whitten, Will Smith venne raggiunto da Atlanta Journal per dare la sua versione dei fatti. L'attore, che all'epoca aveva circa 25 anni, dichiarò che la collega era semplicemente gelosa di lui, perché avrebbe voluto avere uno show tutto suo:

"Posso dire con certezza che Janet Hubert-Whitten voleva che la serie si intitolasse ‘La zia Vivian di Bel Air‘. Sapevo che mi avrebbe insultato sulla stampa. È passata dal guadagnare un quarto di un milione di dollari all'anno, a non avere niente. È furiosa adesso, ma in verità è sempre stata arrabbiata. Una volta ha detto: ‘Faccio questo lavoro da 10 anni e questo moccioso arriva e ottiene uno show tutto suo'. Per lei, io sono l'Anticristo".

Toni ben più concilianti e diplomatici quelli usati dallo stesso attore nel 2016 quando dichiarò alla BBC: "Penso che entrambe le zie Vivian siano davvero fantastiche. Ogni cambiamento fatto in una serie televisiva è doloroso. Janet Hubert ha conferito grande dignità a ‘Willy, il principe di Bel-Air'. Credo che sia brillante. È un'artista capace di fare tante cose: cantare, ballare, recitare. Adoro il contributo che ha dato alla serie".

Reunion? No, grazie

Nel 2011, Janet Hubert – Whitten ebbe occasione di riparlare del suo passato sul set di ‘Willy, il principe di Bel-Air'. L'occasione fu un'intervista rilasciata a TMZ, nella quale chiarì che non avrebbe mai accettato di partecipare a una reunion con il resto del cast della serie. Il motivo, come facilmente intuibile, il risentimento nei confronti di Will Smith:

"Non ci sarà mai una reunion perché non farò mai niente del genere con uno stronz* come Will Smith. È un egocentrico che non è mai cresciuto. Questa storia della reunion non accadrà mai a meno che non mi faccia le sue scuse, ma lui questa parola non la conosce".

I motivi del risentimento di Janet Hubert – Whitten

In diverse interviste rilasciate negli anni e in alcuni video pubblicati su YouTube, Janet Hubert – Whitten ha chiarito i motivi del rancore per Will Smith. Secondo quanto dichiara, l'attore avrebbe avuto l'abitudine di fare battute "sulle donne e sugli uomini troppo neri" che l'avrebbero ferita: "Diceva cose come ‘Sei così nera che se guardi le tue scarpe sei convinta di guardarti allo specchio'". Per questo la Hubert – Whitten lo avrebbe rimproverato in pubblico. Inoltre, in un'occasione, l'attrice avrebbe chiesto a Smith "che era la star della serie" di andare a chiedere ai piani alti di poter organizzare un'iniziativa benefica come avevano fatto gli attori della serie ‘Friends': "La sua risposta fu ‘Io mi occupo delle mie cose e voi vi occupate delle vostre'". Infine, ospite del programma ‘The Real' nel 2016′, l'attrice accusò Will Smith di aver messo in giro voci negative sul suo conto con l'unico scopo di distruggere la sua carriera.

L'ultimo video per Will Smith

"Questo è per te Will, visto che non sei abbastanza uomo da affrontarmi": con queste parole, nel 2018, Janet Hubert – Whitten ha pubblicato l'ultimo video su YouTube indirizzato a Will Smith. L'attrice ha denunciato di non essere più stata ospitata in programmi televisivi condotti da personaggi vicini a Will e Jada Pinkett Smith, quindi ha dichiarato:

"Will questo video è per te. Per 27 anni ho aspettato che tu fossi uomo abbastanza da ammettere di aver mentito. Hai tanti scheletri nell'armadio tesoro. Parli di coscienza nera quando poi nelle tue produzioni non c'è un solo impiegato nero. È ironico. […] Hai mentito sul mio conto e quando una bugia è ripetuta ancora e ancora e ancora diventa la verità. A Hollywood nessuno ha avuto il fegato di ribellarsi e sono scioccata che qualcuno come Warren Littlefield, che era lì quando accadeva tutto ciò, lo abbia permesso".

Dopo aver definito Alfonso Ribeiro il "tampone" di Will Smith, ha concluso: "Will hai avvelenato il mio mondo, la mia arte, le persone attorno a me".