14 Marzo 2014
13:35

Wanna Marchi è tornata: “Da quando non sono più in tv i grassi abbondano!”

Ha deciso di tornare a parlare alla gente e l’ha fatto sul web stavolta, abbandonando il mezzo televisivo che l’ha lanciata come personaggio delle televendite (spesso dimagranti).

Wanna Marchi è tornata, dopo le numerose vicende giudiziarie che l'hanno coinvolta dal 1990, anno in cui fu arrestata la prima volta per concorso in bancarotta. La scadenza della condanna resta confermata per il mese di settembre 2015, sebbene dall'ottobre del 2012 la Marchi ha iniziato a beneficiare di una sospensione temporanea della pena per accudire sua figlia Stefania Nobile, che avrebbe dovuto affrontare un delicato intervento all'anca. Di lei nessuna traccia fino al 10 marzo 2014, data in cui appare un video sul canale Youtube della figlia.

Nel video la vediamo adagiata su una poltrona rossa, con l'aspetto simile a quello di qualche tempo fa e la determinazione per niente affievolita dalle celle carcerarie. La sua voce, meno incisiva forse rispetto alle sue televendite storiche, accompagna l'analisi di una situazione attuale poco rincuorante, che gravita intorno al mondo dei brutti e dei grassi, inclusi i bambini (non esenti da questo tipo di trattamento). "Da quando non sono più in tv i grassi abbondano, eccome se abbondano!" tuona all'improvviso, congedandosi con la risposta a chi spesso le chiede quando sarà possibile rivederla sul piccolo schermo: "Perché la tv esiste ancora? Davvero? Non me ne ero accorta…".

Wanna Marchi su Netflix, la recensione: lo spaghetti western sulla Wolf of Sòla Street
Wanna Marchi su Netflix, la recensione: lo spaghetti western sulla Wolf of Sòla Street
Wanna Marchi e Stefania Nobile:
Wanna Marchi e Stefania Nobile: "Non ci pentiamo di nulla, nel nostro futuro c'è l'Albania"
Quando esce Wanna in streaming su Netflix: il trailer della docuserie sulla truffatrice italiana
Quando esce Wanna in streaming su Netflix: il trailer della docuserie sulla truffatrice italiana
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni