Ospite di Fabio Fazio a Che Tempo che fa su Rai1, l'ex calciatore Gianluca Vialli ha emozionato il pubblico con il racconto del momento difficile che ha vissuto nell'ultimo periodo della sua vita. Parlando dei suo libro "Goals: 98 storie + 1 per affrontare le sfide più difficili", ha indicato come battaglia più difficile quella contro il cancro, che attualmente ha superato : "Faccio fatica a dirlo ma credo che questa esperienza, di cui si farebbe volentieri a meno mi abbia reso una persona migliore. Ti aiuta a vedere le cose in un'altra prospettiva, dai più valore alle cose, alla famiglia, devi prenderti cura di te stesso. È una cosa che, se viene, va sfruttata per diventare persone migliori".

Come sta Gianluca Vialli oggi

Le attuali condizione di salute del famoso campione del calcio sono rincuoranti e a tal riguardo Gianluca Vialli ha poi aggiunto, entrando nel dettaglio del modo in cui ha fronteggiato il male che lo ha colpito senza preavviso: "È successo in maniera improvvisa e l'ho affrontata come quando facevo il calciatore, come quando ero un atleta professionista, mi sono dato subito degli obiettivi a lunga scadenza: non morire prima dei miei genitori e portare le mie figlie all'altare quando si sposeranno. E poi degli obiettivi a breve scadenza, l'operazione, la degenza, la chemio, la radio, andare di nuovo in vacanza in Sardegna con un fisico da far vedere". Vialli ha poi voluto ringraziare tutti i tifosi che hanno esposto striscioni negli stadi, che gli hanno donato sorrisi anche nei momenti più bui: "È stato bellissimo e commovente, sono passati tanti anni ma si ricordano ancora".

La moglie Cathryn White-Cooper e le figlie Olivia e Sofia

Gianluca Vialli oggi può contare sul sostegno di una famiglia che lo ama e con la quale ha costruito la corazza necessaria per non soccombere anche quando la vita l'ha messo a dura prova. Al suo fianco, la moglie Cathryn White-Cooper, un’arredatrice d’interni londinese, e le sue figlie Olivia e Sofia. In due recenti interviste, a Il Centro e Vanity Fair, ha dichiarato, parlando di loro e della sua quotidianità che ormai ha messo radici a Londra: "Sono felicissimo, abbiamo due figlie splendide, mi sento fortunato […]  Sono felicissimo e ringrazio il Signore per avermi dato due figlie: con loro ho imparato a relazionarmi meglio con il genere femminile, prima il mio rapporto con le donne era abbastanza superficiale".