"Vuoi venire a suonare nella finale di Italia's Got Talent? Si, però paghiamo in visibilità". Questo il sunto di un singolare caso sollevato da Il Fatto Quotidiano attraverso il collega Giulio Pasqui. Stando alle segnalazioni giunte alla loro redazione, alcuni musicisti sarebbero stati contatti dalla produzione, tra trombettisti, sassofonisti e una sezione di archi, per un impegno su tre giorni rigorosamente gratis.

La denuncia del musicista

La finalissima di Italia's Got Talent è prevista per il 22 marzo in diretta su Tv8 e, nel novero di attività da organizzare, i musicisti contattati sarebbero pagati in visibilità. L'impegno, scrive Il Fatto Quotidiano, sarebbe su tre giorni: "uno di conoscenza, uno per le prove generali e uno per la diretta" nei quali "non sarebbe previsto alcun compenso". Scrive uno dei giovani musicisti contattati, Edoardo Migliorini:

Mi pare assurdo che in Italia, nel 2019, ancora l’attività del musicista non sia classificata come lavoro. Ed è pure assurdo che un programma televisivo di questo spessore non riservi ai musicisti lo stesso trattamento riservato ai tecnici, agli autori, ai direttori della fotografia e a qualunque altra professionalità presente all’interno dello studio. È una brutta abitudine, diffusa anche altrove: pensano di ripagare il musicista – che magari viene da lontano e deve sostenere delle spese di viaggio o di alloggio – dandogli la visibilità di un palco? Purtroppo con la ‘visibilità’ non si pagano le bollette. Sarebbe bello se in Italia cambiasse l’approccio verso chi fa musica, sarebbe bello se ci avvicinassimo a quello che già succede all’estero, dove la cultura musicale è sacra, rispettata e valorizzata.

La nona edizione di Italia's Got Talent

La genesi di Italia's Got Talent si è avuta su Mediaset. Dopo le prime cinque edizioni in onda su Canale 5, il programma passa a Sky dalla sesta edizione con Claudio Bisio, Nina Zilli, Luciana Littizzetto e Frank Matano tra i giudici. Dalla nona edizione, al posto di Nina Zilli e Luciana Littizzetto, arrivano Federica Pellegrini e Mara Maionchi. Dalla settima edizione, il programma va in onda in contemporanea su Sky Uno e Tv8 con una media ascolti di 1.9 netti a settimana per uno share pari all'8.30%.