6 Novembre 2016
10:21

Tu sì que vales supera i 5 milioni di spettatori, addio “Dieci Cose”

Tu sì que vales” riesce a crescere ancora portando la media spettatori a 5.2 e staccando Rai Uno che con l’ultima puntata di “Dieci Cose” non supera quota 2.8 milioni di spettatori.

Sabato sera in tv all'insegna della solita egemonia Mediaset. "Tu sì que vales" riesce a crescere ancora portando la media spettatori a 5.2 e staccando Rai Uno che con l'ultima puntata di "Dieci Cose" non supera quota 2.8 milioni di spettatori. Era l'ultima puntata per lo show esperimento condotto da Flavio Insinna e Federico Russo e, probabilmente, sarà difficile rivedere questa coppia così formata in televisione. Il format, semplicemente, non ha funzionato. Da segnalare il momento cult della serata su Canale 5: la De Filippi che manda a quel paese il mago Giovanni Mazzorana.

Ascolti tv 5 novembre 2016

"Tu sì que vales" in onda su Canale 5 è stato visto da 5.281.000 spettatori pari al 25.9% di share, la serata viene vinta dal format condotto da Simone Rugiati e Belen Rodriguez e moderato dai giudici Gerry Scotti, Rudi Zerbi, Maria De Filippi e Teo Mammucari. Fa troppo poco "Dieci Cose" che, su Rai Uno, saluta con l'ultima puntata ferma a 2.833.000 spettatori pari al 12.5% di share. Il terzo programma più visto è "Harry Potter e il prigioniero di Azkaban": 1.926.000 spettatori pari all’8.3% di share.

L'ottava stagione di "Castle", in onda su Rai Due, è stata vista da 1.833.000 spettatori pari al 7.5% di share. "I Cowboys" su Rete 4 si lascia preferire da 462.000 spettatori con il 2.1% di share. "L'ispettore Barnaby" su La7 è stato visto da 343.000 spettatori per uno share dell'1.8%.

"Tu sì que vales" distrugge "Dieci Cose", nella gara degli ascolti non c'è partita
La finale della terza stagione di
La finale della terza stagione di "Tu si que vales" sbanca e stravince gli ascolti
Simone Rugiati è il nuovo conduttore di
Simone Rugiati è il nuovo conduttore di "Tu sì que vales" al posto di Francesco Sole
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni