Sono passati ormai dieci anni da quel 22 maggio 2010, quando l'Inter di Mourinho divenne la prima, e finora unica, squadra italiana a portare a compimento l'impresa del Triplete, ovvero la vittoria di Champions League, Coppa Italia e campionato nazionale in una sola stagione calcistica. Un'impresa che ha consegnato quella squadra alla storia e che verrà ricordata da Sky Sport con il Triplete Day, una programmazione speciale nella giornata del 22 maggio.

Un racconto attraverso le immagini più significative e le voci dei protagonisti di quell’annata memorabile per i colori nerazzurri. E a #CasaSkySport, un “special” ospite: José Mourinho, l’allenatore di quell’Inter leggendaria, alle 14 (e alle 19) su Sky Sport 24 e poi alle 23.30 su Sky Sport Uno. Nel corso della giornata, sul canale 201 sarà possibile rivivere le tappe più significative del trionfo interista: dalla finale di Madrid vinta contro il Bayern Monaco ai gol del “Principe” Milito e Samuel Eto’o, oltre ai tanti speciali a cura della redazione di Sky Sport, tra cui  “Road to Madrid – Inter sul tetto d'Europa”, “Notte Folle a Madrid” e l’inedito “Gli Eroi del Triplete: il film”, in onda alle 13, alle 19 e alle 22.30.

Moratti racconta a Fanpage l'anno del Triplete

In un'intervista rilasciata a Fanpage.it nelle scorse ore, a ricordare quell'anno glorioso è stato l'allora presidente dell'Inter, Massimo Moratti, che dopo tante delusioni riuscì a raggiungere un obiettivo che nessuna altra squadra italiana è riuscita ad agguantare nel corso della storia. "Ho iniziato a sperarci a Londra – spiega Moratti riferendosi a quando la convinzione di poter vincere quella Champions League si sia fatta strada in lui – dopo la qualificazione contro il Chelsea. Mi è sembrata una vittoria talmente pulita, riuscita bene tatticamente, che mi ha fatto pensare che la squadra avesse il carattere e la forza per ambire a questo traguardo"